Risultati con LifEscozul

Hector Nahoul - Cancro alla vescica- Resultados con LifEscozul™ Cancro alla vescica

Introduzione al caso

Nel 2016 Hector ha sviluppato ematuria (sangue nelle urine), e ha deciso di visitare il suo medico per un controllo.

Un'ecografia ha rivelato una lesione di 2,5 centimetri nella sua vescica, così il suo urologo ha raccomandato una resezione transuretrale della vescica (TUR). Questa procedura comporta la rimozione del tessuto malato nell'uretra, nella prostata e nella vescica.

Successivamente la biopsia ha confermato che Hector aveva un carcinoma vescicale di grado I, cioè un cancro alla vescica.

Per curare la sua malattia gli furono offerte sessioni di chemioterapia e gli fu presentata anche l'opzione dell'immunoterapia BCG, ma Hector rifiutò entrambi i trattamenti. A quel punto ha deciso che avrebbe lasciato che il suo corpo si difendesse da solo contro il cancro.

Ogni 3 mesi aveva dei controlli e tutto andava bene, il tempo passava e a settembre 2019 ha fatto un nuovo esame, che ha rivelato alterazioni multiple nella sua vescica.

Per curare la malattia il suo urologo eseguì un raschiamento, che colpì molto Hector. Vedendo che il cancro stava progredendo, fu proposto che entro la fine dell'anno gli venisse asportata completamente la vescica.

Di fronte a questa situazione, Hector ha iniziato a cercare altre opzioni di trattamento che potessero aiutarlo a superare la sua malattia. È stato allora che ci ha contattato e ha iniziato il trattamento con LifEscozul (la formulazione più efficace a base di veleno dello scorpione blu).

Impariamo di più sul suo caso e vediamo i suoi progressi.

  • Dati clinici

    Hector Nahoul, 74 anni all'inizio del trattamento con LifEscozul.

  • Sintomatologia

    Ematuria.

  • Inizio di protocollo

    Novembre 2019.

  • Specialista assegnato a Grupo LifEscozul

    Lic. Ariel Portal

  • Diagnosi

    Carcinoma della vescica di grado I.

Sfondo

Nel 2016 Hector ha notato che c'erano tracce di sangue nelle sue urine (ematuria), così è andato dal medico.

Dopo un'ecografia, si è scoperto che c'era una lesione di 2,5 centimetri nella sua vescica. Il suo urologo ha raccomandato una TUR (resezione transuretrale della vescica).

Al fine di determinare il tipo di cancro, il grado e quale trattamento era raccomandato, il suo medico ha ordinato una biopsia senza bisogno di un curettage profondo. Questo esame ha confermato che Hector era affetto da un cancro alla vescica di grado I.

Per curare la sua malattia, gli furono offerte delle sedute di chemioterapia, ma Hector rifiutò perché non aveva alcuna garanzia che sarebbe guarito e non voleva esporsi agli effetti collaterali di un trattamento così forte.

Il suo medico propose anche l'immunoterapia intravescicale più comune per il trattamento del cancro alla vescica allo stadio iniziale, la terapia con Bacillus Calmette-Guérin (BCG), ma Hector rifiutò anche questa, perché non voleva esporsi a ulteriori danni.

Aveva ecografie e analisi di sangue e di laboratorio ogni 3 mesi. Tutto era stabile e il suo urologo passava da 3 a 6 mesi per i controlli di sorveglianza. Ad un certo punto, dato che tutti i suoi test erano negativi, hanno voluto farle una pre-dimissione.

Lo studio successivo è stato fatto a circa 8 mesi, ma l'urologo che aveva in cura il suo caso si è dimesso dalla previdenza sociale e c'è stato un cambio di medico.

Questo nuovo specialista ha programmato un'altra TUR nel 2019 per valutare lo stato della malattia di Hector, il risultato è stato positivo e la biopsia ha confermato che il cancro era ancora di grado I.Nel settembre 2019 Hector è stato sottoposto a una cistoscopia ed è stato rivelato che la vescica aveva molte alterazioni. Di conseguenza ha subito un'operazione molto aggressiva, c'è stata una forte emorragia dovuta al raschiamento e si sono formati dei coaguli di sangue.

A causa del progresso della malattia, a Hector è stata offerta una cistectomia radicale (rimozione completa della vescica) alla fine dell'anno.

La sua vita stava per cambiare per sempre e Hector decise di cercare altre opzioni che non gli avrebbero causato più danni e non avrebbero peggiorato la sua qualità di vita.

Aveva già sentito parlare della medicina cubana e dei suoi eccellenti risultati con il veleno dello scorpione blu nel trattamento dei malati di cancro. Hector ha cercato più informazioni su internet con l'aiuto di sua figlia e ha trovato il Gruppo LifEscozul.

Ha contattato il nostro direttore generale e specialista Ariel Portal e il dottor Aaron Sarmiento, che gli hanno immediatamente dato una risposta e spiegato quali risultati ci si poteva aspettare con il trattamento.

A novembre 2019 Hector ha iniziato con il nostro trattamento LifEscozul (escozul, veleno di scorpione blu, escoazul) sotto le dosi indicate dal dottor Sarmiento e il monitoraggio costante del nostro Specialista Ariel Portal.

Evoluzione con LifEscozul e risultati attuali

DA MARZO A DICEMBRE 2020

Durante tutto il tempo in cui Hector è stato in trattamento ha mantenuto il contatto con il nostro gruppo di specialisti, in questo modo abbiamo potuto fare aggiustamenti al suo dosaggio di LifEscozul (la formulazione più efficace fatta con il veleno dello scorpione blu) nei casi che si sono resi necessari.

Negli studi effettuati nel marzo 2020, l'infiammazione nella vescica non era più evidente, c'erano solo due noduli di 10 e 11 millimetri rispettivamente.

Nel dicembre 2020 sua figlia ci ha inviato un bellissimo messaggio di Natale ringraziandoci, perché per Hector e la sua famiglia il trattamento con LifEscozul (escozul, veleno di scorpione blu, escoazul) è stato di grande aiuto per rallentare la progressione della sua malattia.

Di seguito un estratto di questo messaggio:

"Dal profondo del nostro cuore vi ringraziamo per il regalo indescrivibile che avete fatto a questa famiglia: poter festeggiare quest'anno in compagnia di mio padre, che ora è ragionevolmente stabile, e aver potuto godere di un altro anno di benessere e di una certa stabilità, anche con gli squilibri della malattia.

Se non fosse stato per LifEscozul, non potremmo essere sicuri che mio padre sarebbe ancora vivo o nelle condizioni di salute in cui sarebbe se non li avessimo trovati.

Questo dono non ha prezzo, non può essere descritto, può solo essere condiviso e infinitamente apprezzato.

Oggi Hector gode di ottima salute e qualità di vita, il suo caso rimane sotto costante sorveglianza da parte del nostro team medico a tempo indeterminato.

Resumen

Nel 2016 a Hector è stato diagnosticato un carcinoma della vescica di I grado. Per curare la sua malattia gli fu offerta la chemioterapia e l'immunoterapia BCG, ma Hector rifiutò entrambi i trattamenti.

Nel settembre 2019 si è sottoposto a un nuovo esame, che ha rivelato alterazioni multiple nella vescica. Il suo urologo eseguì un raschiamento, che colpì molto Hector, e vedendo che il cancro era avanzato, gli proposero di rimuovere completamente la vescica.

Hector ha deciso di cercare altre opzioni di trattamento e ha trovato LifEscozul Group, iniziando con il nostro trattamento LifEscozul (la formulazione più efficace fatta con veleno di scorpione blu) nel novembre 2019.

Nel marzo 2020, gli studi hanno rivelato che l'infiammazione nella vescica non era più evidente e che solo due noduli di 10 e 11 millimetri erano presenti.

Questo ha dimostrato che il trattamento LifEscozul (escozul, veleno di scorpione blu, escoazul) è stato in grado di fermare la progressione della malattia fino a quel punto.

Oggi, Héctor ha un'ottima qualità di vita e sia lui che la sua famiglia sono molto grati per il trattamento etico, professionale e umano che gli abbiamo riservato durante tutto questo tempo nel Gruppo LifEscozul.

Noi siamo il Gruppo LifEscozul e i risultati ci definiscono.

Prossimo caso

José Daniel Ibarra - Cancro al colon- Resultados con LifEscozul™

José Daniel Ibarra

Evoluzione del paziente Jose Daniel Ibarra. Chi è entrato nel protocollo LifEscozul nel 2017. In precedenza aveva sofferto di cancro colorettale con metastasi al fegato, ed era stato trattato con chemioterapia, radioterapia e chirurgia. Vedere di più