Risultati con LifEscozul

Patricio Ponce - Cancro alla vescica- Resultados con LifEscozul™ Cancro alla vescica

Introduzione al caso

Il cancro alla vescica inizia nelle cellule uroteliali che rivestono l'interno della vescica, ma può anche verificarsi in altre parti del sistema di drenaggio del tratto urinario.

7 casi su 10 di cancro alla vescica sono diagnosticati in una fase iniziale, quando la malattia è altamente curabile, anche se i tumori della vescica possono recidivare. È per questo motivo che i pazienti con questo tipo di cancro sono di solito seguiti costantemente anche dopo il trattamento, in modo che sia più facile diagnosticare una recidiva.

Patricio ha avuto un cancro alla prostata nel 2011, che è stato trattato con la medicina tradizionale e ha avuto buoni risultati, ma purtroppo il cancro è tornato qualche anno dopo.

Nel luglio 2016 gli è stato diagnosticato un cancro alla vescica attraverso una biopsia. Il suo urologo raccomandò un intervento chirurgico immediato, ma Patricio non voleva che la sua qualità di vita fosse compromessa da un intervento radicale che avrebbe rappresentato un cambiamento permanente nella sua vita.

Ha iniziato a cercare altri trattamenti che potessero aiutarlo a fermare la sua malattia e ha trovato LifEscozul Group. Ha iniziato il trattamento con LifEscozul (la formulazione più efficace a base di veleno di scorpione blu) nell'ottobre 2017.

Diamo un'occhiata al suo caso e conosciamo i suoi progressi qui sotto.

  • Dati clinici

    Patricio Ponce, 66 anni all'inizio del trattamento con LifEscozul.

  • Sintomatologia

    Sangue nelle urine (ematuria).

  • Inizio di protocollo

    Ottobre 2017.

  • Specialista assegnato a Grupo LifEscozul

    Doctora Beatriz García.

  • Diagnosi

    Carcinoma uroteliale infiltrante di grado 3 scarsamente differenziato della vescica. Invasione massiccia del tessuto connettivo sotto l'epitelio. Invasione degli strati muscolari. Necrosi focale con calcificazioni distrofiche. pT2.

Sfondo

A Patricio nel 2011 è stato diagnosticato un cancro alla prostata, che con un trattamento tradizionale è riuscito a superare. Purtroppo all'inizio di maggio 2016 ha notato del sangue nelle sue urine e attraverso una biopsia che è stata eseguita nel luglio 2016, è stato rilevato un carcinoma uroteliale infiltrante di grado 3 della vescica.

Ha consultato tre diversi medici e tutti gli hanno detto che dovrebbe essere operato prima di ottobre 2017, ma Patricio stava ancora cercando un'altra opzione per trattare il suo cancro.

Attraverso alcuni amici cubani ha sentito parlare del trattamento con LifEscozul (escozul, veleno di scorpione blu, escoazul) e ha deciso di contattarci. Ci ha inviato tutti i suoi documenti perché il nostro team medico valutasse il suo caso e nell'ottobre 2017 ha iniziato il nostro trattamento.

Evoluzione con LifEscozul e risultati attuali

OTTOBRE 2017

Patricio ha contattato il suo urologo per dirgli che voleva aspettare fino a gennaio 2018 per fare l'operazione, ma non gli ha detto che stava prendendo il trattamento LifEscozul (la formulazione più efficace fatta con veleno di scorpione blu).

L'urologo ha deciso di non continuare il suo caso a causa del rifiuto di Patricio di farsi operare. A questo punto aveva solo la supervisione medica della dottoressa Beatriz Garcia, una specialista del nostro Dipartimento di Oncologia del Gruppo Medico LifEscozul.

NOVEMBRE 2017

La dottoressa Beatriz è stata molto onesta con Patricio dal momento in cui è entrato nel nostro protocollo. Gli ha sottolineato quanto fosse aggressiva la sua malattia e che la cosa più consigliabile da fare era la chirurgia, ma Patricio voleva continuare con il trattamento LifEscozul (escozul, veleno di scorpione blu, escoazul) e vedere i suoi effetti prima di ricorrere alla chirurgia.

Nel novembre 2017 Patricio ha trovato un altro urologo a Ottawa. Questo medico è stato più comprensivo del precedente e ha prescritto una chemioterapia per 3 mesi.

L'urologo ha anche proposto 3 opzioni per la chirurgia radicale della vescica:

  1. ricostruzione della neoblastre: utilizzando una sezione dell'intestino tenue, si creerebbe un serbatoio a forma di sfera che diventerebbe la nuova vescica. Questo verrebbe collocato nella stessa posizione nel corpo della vescica originale e collegato agli ureteri per permettere il drenaggio dell'urina dai reni. L'altra estremità della neobladder si attaccherebbe all'uretra, permettendo una minzione relativamente normale.
  2. Condotto ileale: utilizzando parte dell'intestino tenue, si creerebbe un tubo che verrebbe attaccato agli ureteri per collegare i reni a un'apertura nella parete addominale. L'urina scorreva continuamente dall'apertura e veniva raccolta da un sacchetto fuori dall'addome. Potrebbe essere necessario utilizzare un catetere per aiutarla a svuotarsi meglio.
  3. Serbatoio continentale per l'urina: utilizzando parte dell'intestino, si crea un piccolo serbatoio all'interno della parete addominale. Con la produzione di urina questo serbatoio si riempie e attraverso un catetere può essere svuotato, questo processo deve essere ripetuto più volte al giorno.

Ma Patricio non voleva optare per nessuno di loro.

MARZO 2018

Le sessioni di chemioterapia hanno indebolito molto Patricio, ma ha sempre cercato di rimanere forte durante tutto il processo.

Alla fine di questo trattamento ha fatto un urogramma CT (tomografia computerizzata) e i risultati hanno sorpreso il suo urologo, poiché la vescica non mostrava alcuna anomalia. Patricio era molto sollevato da questa notizia.

Va notato che a questo punto, marzo 2018, Patricio aveva già 6 mesi di trattamento con LifEscozul (la formulazione più efficace a base di veleno di scorpione blu).

Patricio ha parlato con il suo urologo e ha spiegato cosa stava prendendo per curare la sua malattia, il medico gli ha detto di continuare il nostro trattamento e che avrebbe continuato sotto la sua supervisione medica.

Per quanto riguarda l'operazione, dato che il suo cancro di grado 3 era sceso al grado 1, l'urologo gli spiegò che era il momento ideale per effettuare l'intervento, ma Patricio rispose: "se non era ideale quando avevo un aggressivo grado 3, non ho intenzione di operare un grado 1".

Di fronte a questa risposta, il medico ha indicato il pericolo che stava correndo, ma ha rispettato la sua decisione e gli ha offerto l'immunoterapia intravescicale più comune per il trattamento del cancro alla vescica in fase iniziale: la terapia con Bacillus Calmette-Guérin (BCG), che avrebbe impedito la crescita del cancro e una possibile recidiva. Questo trattamento verrebbe dato per 6 settimane alla volta.

2019 Y 2020

Patricio ha sempre mantenuto una comunicazione costante con la nostra Equipe Medica, ci ha fornito ogni suo test in modo che potessimo valutare periodicamente il suo stato di salute e fare gli aggiustamenti necessari nelle dosi di LifEscozul (escozul, veleno di scorpione blu, escoazul) per ottimizzare i suoi risultati.

All'inizio del 2019, la dottoressa Beatriz Garcia ha confermato a Patricio, dopo aver visto le sue analisi, che era libero dal cancro da 6 mesi.

Nel luglio 2020 si è sottoposto a una PET e i risultati indicavano ancora che Patricio era libero dal cancro.

Attualmente sta seguendo una terapia BCG con il suo urologo, è sotto costante sorveglianza da parte del nostro team medico, ha controlli regolari e ha recuperato la sua qualità di vita.

È molto grato per il trattamento LifEscozul (la formulazione più efficace a base di veleno di scorpione blu) perché ritiene che sia stato un aspetto molto importante per il suo recupero.

OTTOBRE 2017

Patricio ha contattato il suo urologo per dirgli che voleva aspettare fino a gennaio 2018 per fare l'operazione, ma non gli ha detto che stava prendendo il trattamento LifEscozul (la formulazione più efficace fatta con veleno di scorpione blu).

L'urologo ha deciso di non continuare il suo caso a causa del rifiuto di Patricio di farsi operare. A questo punto aveva solo la supervisione medica della dottoressa Beatriz Garcia, una specialista del nostro Dipartimento di Oncologia del Gruppo Medico LifEscozul.

NOVEMBRE 2017

La dottoressa Beatriz è stata molto onesta con Patricio dal momento in cui è entrato nel nostro protocollo. Gli ha sottolineato quanto fosse aggressiva la sua malattia e che la cosa più consigliabile da fare era la chirurgia, ma Patricio voleva continuare con il trattamento LifEscozul (escozul, veleno di scorpione blu, escoazul) e vedere i suoi effetti prima di ricorrere alla chirurgia.

Nel novembre 2017 Patricio ha trovato un altro urologo a Ottawa. Questo medico è stato più comprensivo del precedente e ha prescritto una chemioterapia per 3 mesi.

L'urologo ha anche proposto 3 opzioni per la chirurgia radicale della vescica:

  1. ricostruzione della neoblastre: utilizzando una sezione dell'intestino tenue, si creerebbe un serbatoio a forma di sfera che diventerebbe la nuova vescica. Questo verrebbe collocato nella stessa posizione nel corpo della vescica originale e collegato agli ureteri per permettere il drenaggio dell'urina dai reni. L'altra estremità della neobladder si attaccherebbe all'uretra, permettendo una minzione relativamente normale.
  2. Condotto ileale: utilizzando parte dell'intestino tenue, si creerebbe un tubo che verrebbe attaccato agli ureteri per collegare i reni a un'apertura nella parete addominale. L'urina scorreva continuamente dall'apertura e veniva raccolta da un sacchetto fuori dall'addome. Potrebbe essere necessario utilizzare un catetere per aiutarla a svuotarsi meglio.
  3. Serbatoio continentale per l'urina: utilizzando parte dell'intestino, si crea un piccolo serbatoio all'interno della parete addominale. Con la produzione di urina questo serbatoio si riempie e attraverso un catetere può essere svuotato, questo processo deve essere ripetuto più volte al giorno.

Ma Patricio non voleva optare per nessuno di loro.

MARZO 2018

Le sessioni di chemioterapia hanno indebolito molto Patricio, ma ha sempre cercato di rimanere forte durante tutto il processo.

Alla fine di questo trattamento ha fatto un urogramma CT (tomografia computerizzata) e i risultati hanno sorpreso il suo urologo, poiché la vescica non mostrava alcuna anomalia. Patricio era molto sollevato da questa notizia.

Va notato che a questo punto, marzo 2018, Patricio aveva già 6 mesi di trattamento con LifEscozul (la formulazione più efficace a base di veleno di scorpione blu).

Patricio ha parlato con il suo urologo e ha spiegato cosa stava prendendo per curare la sua malattia, il medico gli ha detto di continuare il nostro trattamento e che avrebbe continuato sotto la sua supervisione medica.

Per quanto riguarda l'operazione, dato che il suo cancro di grado 3 era sceso al grado 1, l'urologo gli spiegò che era il momento ideale per effettuare l'intervento, ma Patricio rispose: "se non era ideale quando avevo un aggressivo grado 3, non ho intenzione di operare un grado 1".

Di fronte a questa risposta, il medico ha indicato il pericolo che stava correndo, ma ha rispettato la sua decisione e gli ha offerto l'immunoterapia intravescicale più comune per il trattamento del cancro alla vescica in fase iniziale: la terapia con Bacillus Calmette-Guérin (BCG), che avrebbe impedito la crescita del cancro e una possibile recidiva. Questo trattamento verrebbe dato per 6 settimane alla volta.

2019 Y 2020

Patricio ha sempre mantenuto una comunicazione costante con la nostra Equipe Medica, ci ha fornito ogni suo esame in modo da poter valutare periodicamente il suo stato di salute e fare gli aggiustamenti necessari nelle dosi di LifEscozul (escozul, veleno di scorpione blu, escoazul) per ottimizzare i suoi risultati.

All'inizio del 2019, la dottoressa Beatriz Garcia ha confermato a Patricio, dopo aver visto le sue analisi, che era libero dal cancro da 6 mesi.

Nel luglio 2020 si è sottoposto a una PET e i risultati indicavano ancora che Patricio era libero dal cancro.

Attualmente sta seguendo una terapia BCG con il suo urologo, è sotto costante sorveglianza da parte del nostro team medico, ha controlli regolari e ha recuperato la sua qualità di vita.

È molto grato per il trattamento LifEscozul (la formulazione più efficace a base di veleno di scorpione blu) perché sente che è stato un aspetto molto importante del suo recupero.

Resumen

Attraverso una biopsia eseguita nel luglio 2016, a Patricio è stato diagnosticato un carcinoma uroteliale infiltrante della vescica di grado 3. Il suo urologo gli ha indicato di sottoporsi a un intervento chirurgico, ma questa non era l'opzione migliore per Patricio, così ha iniziato a cercare altre alternative di trattamento.

Ha sentito parlare del trattamento con LifEscozul (escozul, veleno di scorpione blu, escoazul) e dopo averci inviato tutta la sua documentazione medica il suo caso è stato approvato nel protocollo, iniziando con il nostro trattamento nell'ottobre 2017.

La dottoressa Beatriz, incaricata di valutare il suo caso, è stata molto onesta con Patricio fin dall'inizio, sottolineando quanto fosse aggressiva la sua malattia e che la cosa più consigliabile da fare era la chirurgia, ma Patricio voleva continuare con il trattamento LifEscozul prima di prendere qualsiasi decisione.

Nel novembre 2017 Patricio ha trovato un altro urologo, che gli ha prescritto una chemioterapia per 3 mesi. Alla fine di questo trattamento (Patricio aveva già preso LifEscozul per 6 mesi), una TAC ha indicato che la sua vescica non presentava anomalie.

Il suo cancro di grado 3 era sceso al grado 1, ma Patricio non voleva ancora essere operato, una decisione di cui non si pente. Il suo urologo gli ha prescritto una terapia con Bacillus Calmette-Guérin per 6 settimane per continuare a combattere la sua malattia.

All'inizio del 2019, i test di Patricio hanno confermato che era libero da cellule tumorali da 6 mesi, una diagnosi che ha mantenuto fino a ottobre 2020.

Il suo caso continuerà ad essere monitorato dal nostro team medico e Patricio riceverà gratuitamente il trattamento LifEscozul (la formulazione più efficace a base di veleno di scorpione blu) grazie agli eccellenti risultati ottenuti.

Siamo il Gruppo LifEscozul e i risultati ci definiscono.

Prossimo caso

María Leal Vega - Cancro intestinale gastrico- Resultados con LifEscozul™

María Leal Vega

Maria cominciò ad avere costanti dolori addominali e una perdita di peso sostenuta che la costrinse a vedere un medico. Si è sottoposta a un esame e si è stabilito che soffriva di cancro gastrico. È stata immediatamente programmata una gastrectomia totale che è stata eseguita nell'aprile 2018. Tuttavia, dopo l'operazione ha presentato del liquido nel polmone e ha subito una pulizia chirurgica, durante la quale sono stati trovati tre tumori nel suo polmone. Vedere di più