Risultati con LifEscozul

Isabella López - Cancro al cervello- Resultados con LifEscozul™ Cancro al cervello

Introduzione al caso

L'astrocitoma anaplastico è un tumore di grado III che costituisce il 4% di tutti i tumori primari del SNC (sistema nervoso centrale). Il sessanta per cento dei casi viene diagnosticato tra i 45 e i 69 anni, ma ci sono anche casi in cui questo cancro aggressivo si verifica nei bambini piccoli.

Il caso di Isabella è molto rappresentativo per il gruppo LifEscozul ed è la nostra paziente più lunga in trattamento.

Quando Isabella aveva solo 6 mesi le fu diagnosticato un astrocitoma anaplastico di grado 3, un tumore al cervello nel centro del suo sistema nervoso. Il suo neurochirurgo disse loro che non osava operare Isabella perché c'era un grande rischio che la bambina non sarebbe sopravvissuta all'intervento a causa del tumore in una zona molto delicata.

Questa bambina, che aveva appena iniziato a vivere, aveva una prognosi di 4-6 mesi di vita, sia che ricevesse o meno i trattamenti della medicina tradizionale.

Yensy, la madre di Isabella, non si arrese a questa notizia perché era sicura che ci fosse un trattamento che poteva salvare la vita di Isabella.

Quando Yensy ci ha contattato ha finalmente visto un barlume di speranza, e nel maggio 2011 Isabella ha iniziato il trattamento con LifEscozul (la formulazione più efficace a base di veleno di scorpione blu).

Questo caso di cancro al cervello è tanto forte quanto emotivo, vedi sotto.

  • Dati clinici

    Isabella Lopez, 7 mesi all'inizio del trattamento con LifEscozul.

  • Sintomatologia

    Movimientos anormales y desviación inferior de ambos ojos.

  • Inizio di protocollo

    Maggio 2011.

  • Specialista assegnato a Grupo LifEscozul

    Dr. Aaron Sarmiento

  • Diagnosi

    Glioma infiltrante, astrocitoma anaplastico di grado 3.

Sfondo

Quando Isabella aveva 4 mesi, ha iniziato ad avere problemi con entrambi gli occhi, con movimenti anomali e una leggera deviazione. Sua madre, Yensy, l'ha portata all'ospedale per essere esaminata.

Una TAC eseguita nell'aprile 2011 ha rivelato che Isabella aveva un astrocitoma anaplastico di grado 3, che è un tumore al cervello che si trovava al centro del suo sistema nervoso e quindi inoperabile.

A causa dell'invasività e dell'aggressività della malattia, a Isabella furono dati solo da 4 a 6 mesi di vita.

Un altro medico disse loro che Isabella avrebbe dovuto subire una biopsia. Questa procedura ha richiesto 10 ore e ha comportato un'incisione da un lato all'altro della testa, un momento molto difficile per la famiglia.

I medici hanno anche eseguito un secondo intervento per posizionare un catetere nella testa di Isabella. Fu qui che a Yensy fu detto che il suo bambino aveva bisogno di una chemioterapia con temozolomide (che è un farmaco anticancro orale).

Furono 3 sessioni di chemioterapia a complicare ulteriormente la situazione di Isabella. Yensy doveva pulire costantemente il catetere e la bambina aveva anche un tubo che andava dal naso allo stomaco. Isabella ha pianto giorno e notte con questo trattamento.

Quando Yensy chiese all'oncologo se Isabella sarebbe migliorata con questa terapia, lui le disse che sarebbe comunque morta a causa del suo cancro aggressivo.

Sapendo questo, Yensy ha parlato con suo marito ed entrambi hanno deciso di non continuare la chemioterapia, se la loro bambina stava per morire avrebbero preferito che fosse felice nel breve tempo che sarebbe stata con loro.

Yensy, sopraffatta dall'idea che Isabella non avesse alcuna possibilità di salvezza, ha visitato il St. Jude Children's Research Hospital, un centro di ricerca e trattamento pediatrico negli Stati Uniti che si concentra sulla leucemia e altri tumori, per cercare un'opzione medica che potesse aiutare Isabella.

Dopo aver valutato il suo caso, contattarono Yensy e le dissero che la diagnosi di Isabella era molto grave e che non c'era nulla che potessero fare per lei.

Yensy non si è arresa dopo aver sentito questo, non ha accettato il fatto che sua figlia non avesse alcuna possibilità di sopravvivenza anche se aveva un'equipe medica di cure palliative a casa.

Ha trascorso molti giorni e notti alla ricerca di opzioni di trattamento e in una delle sue ricerche su internet ha trovato LifEscozul (la formulazione più efficace a base di veleno di scorpione blu). Ciò che ha colpito di più Yensy è che il nostro trattamento non ha avuto effetti collaterali, e con un bambino così piccolo questo era perfetto.

Yensy ci ha contattato perché voleva saperne di più sul trattamento, e abbiamo subito organizzato tutti i dettagli per lei e Isabella per andare a Cuba a ritirare il trattamento per la bambina.

Quando è arrivata all'aeroporto è stata accolta dal biologo Ariel Portal e da qui è iniziata la nostra storia con Isabella. Da quel momento in poi Yensy si sentì finalmente più sollevata, fiduciosa e sostenuta dopo aver sentito solo notizie negative da tanti medici.

Dopo che il nostro team medico ha valutato Isabella e letto tutta la sua documentazione medica, nel maggio 2011 ha iniziato il trattamento con LifEscozul (escozul, veleno di scorpione blu, escoazul).

Evoluzione con LifEscozul e risultati attuali

2011 al 2015

Yensy ha sempre mantenuto una comunicazione costante con il nostro team medico, questo ci ha permesso di adattare i dosaggi man mano che Isabella cresceva.

Da quando ha iniziato a prendere il trattamento LifEscozul (la formulazione più efficace a base di veleno di scorpione blu), Isabella non ha avuto effetti collaterali dal farmaco.

I 6 mesi che i suoi medici avevano previsto per lei sono stati estesi a 5 anni di sopravvivenza, e durante tutto questo tempo ha preso solo LifEscozul.

Nel 2015 Isabella aveva 5 anni ed era una bambina molto sana ed energica. Quell'anno Yensy ha partecipato a un evento dove le famiglie di bambini malati di cancro vanno per condividere le loro esperienze e imparare di più sulla malattia.

Mentre passeggiavano per il posto incontrarono l'ex oncologo di Isabella, il dottore era sorpreso di vederla perché era una delle persone che aveva detto che la ragazza non sarebbe durata più di 6 mesi a causa della sua malattia. Il medico guardò Yensy sbalordito e chiese: "Come può essere viva?

Per valutare lo stato di salute di Isabella e lo sviluppo del tumore, il medico chiese se poteva fare una risonanza magnetica, tanto era grande la sua curiosità e incredulità per il caso della bambina.

Il risultato di questo studio, effettuato nel giugno 2015, ha rivelato che il tumore misurava solo 15 x 11 x 12 millimetri sul lato destro del cervello. Vedere questo risultato è stato incredibile per l'oncologo.

Nonostante questa ottima notizia, il medico non ha dato subito i risultati alla famiglia di Isabella, perché prima voleva discuterne con altri esperti. Alla fine non riuscì a trovare una spiegazione su come una malattia con quasi nessuna possibilità di sopravvivenza potesse essere sconfitta, e Yensy non gli disse mai che Isabella stava facendo il trattamento con LifEscozul (escozul, veleno di scorpione blu, escoazul).

Infine, Yensy ha ricevuto i risultati della TAC e ha visto con i suoi occhi quanto fosse piccolo il tumore. A quel punto ha pensato che questa fosse l'occasione per rimuovere ciò che ne era rimasto e ha contattato un chirurgo in Florida esperto in questo tipo di procedura.

Questo chirurgo ha eseguito una nuova risonanza magnetica su Isabella nel dicembre 2015 e il risultato ha mostrato che il tumore misurava 15 x 12 x 18 millimetri.

Durante la consultazione il chirurgo disse a Yensy che non era necessario operare Isabella per un tumore così piccolo. Ha anche detto: "Qualunque cosa stiate facendo, continuate a farla perché sta funzionando".

Il nostro team medico ha anche valutato i test di Isabella e ha proceduto ad aumentare il dosaggio di LifEscozul (la formulazione più efficace a base di veleno di scorpione blu) per ottenere risultati migliori.

2016 al 2020

Yensy ci ha detto che la vita di Isabella è stata meravigliosa in tutti questi anni. È una bambina normale che frequenta la scuola e gioca con i suoi amici.

Altri fatti importanti su Isabella sono:

  • Negli anni precedenti ha sofferto di convulsioni ed è stata trattata con diversi farmaci. Queste crisi sono quasi completamente scomparse e non prende più farmaci per questo sintomo.
  • Poiché il tumore sta toccando alcune aree del cervello, la sua vista è cattiva solo nell'occhio destro e ha un leggero strabismo.
  • È in grado di memorizzare e leggere senza problemi ed è molto intelligente.
  • Dopo le vaccinazioni dei primi due mesi di età non ha mai preso altre vaccinazioni per evitare malattie.
  • Il suo sistema immunitario è molto forte, ci sono momenti in cui la sua famiglia si ammala di un virus e l'unica che non si ammala è Isabella.
  • Se cade e si taglia o si graffia, la ferita guarisce il giorno dopo.

Dal 2016 al 2020, il tumore ha avuto le seguenti variazioni di dimensioni:

  • Agosto 2016: 1,6 x 1,8 x 2,0 millimetri.
  • Aprile 2017: 2,1 x 2,3 x 1,7 centimetri.
  • Luglio 2018: 17 x 12 x 16 millimetri.
  • Aprile 2019: 11,5 millimetri.

Isabella prende LifEscozul (escozul, veleno di scorpione blu, escoazul) ogni giorno come indicato dal nostro team medico.

In ottobre ha compiuto 10 anni e hanno festeggiato con stile. Per Isabella e la sua famiglia, aver battuto il cancro e tutte le prognosi iniziali sono un motivo per festeggiare ogni giorno.

A casa non parlano della malattia di Isabella, e vedendo il suo eccellente stato di salute è incredibile pensare che sia una paziente oncologica.

Per il Gruppo LifEscozul, è un piacere essere parte della sua crescita e vedere il suo sorriso ogni giorno.

Isabella continuerà ad essere monitorata costantemente dal nostro team medico, il che ci permetterà di continuare a perfezionare il trattamento con LifEscozul (la formulazione più efficace a base di veleno di scorpione blu).

Resumen

Quando Isabella aveva solo 6 mesi le fu diagnosticato un astrocitoma anaplastico di grado 3, un tipo di cancro così invasivo e aggressivo che tutti i medici le diedero al massimo da 4 a 6 mesi di vita.

Per curare la sua malattia le fu prescritta la chemioterapia, che la indebolì enormemente e non le garantì alcuna possibilità di recupero, così i suoi genitori decisero di non continuare con questo trattamento.

Yensy, sua madre, non si è mai arresa nonostante tutti gli ostacoli che ha incontrato lungo la strada con tutti i medici che hanno visto il caso di Isabella, fino a quando ha incontrato noi e la loro vita è cambiata.

Da quando Isabella ha iniziato il trattamento LifEscozul (escozul, veleno di scorpione blu, escoazul) 10 anni fa, non ha avuto effetti collaterali e il tumore si è ridotto al punto da essere quasi impercettibile sulle sue scansioni.

È importante sottolineare che durante tutto questo tempo Isabella non ha preso nessun altro trattamento, ha preso solo LifEscozul.

Isabella fa tutte le attività di una bambina della sua età, va a scuola, è molto intelligente ed energica e nessuna malattia l'ha tenuta a letto.

Isabella è stata l'ispirazione per il gruppo LifEscozul per andare avanti e perfezionare il trattamento LifEscozul. Il nostro obiettivo è quello di dare a tutti i nostri pazienti una formulazione che li aiuti a battere il cancro e a migliorare la loro qualità di vita.

Il nostro team medico lavora quotidianamente e mantiene una vigilanza e un monitoraggio costante dei nostri pazienti per aggiustare le dosi in modo appropriato e ottenere i risultati attesi, proprio come abbiamo ottenuto con Isabella.

Siamo il Gruppo LifEscozul e i risultati ci definiscono.

Prossimo caso

Enrique Arrascue - Cancro al cervello- Resultados con LifEscozul™

Enrique Arrascue

Nel marzo 2017, a Enrique è stato diagnosticato un medulloblastoma della fossa posteriore. Nel maggio 2017 ha subito un intervento chirurgico per rimuovere il tumore e successivamente ha iniziato la radioterapia e le sessioni di chemioterapia.

Mentre cercava un trattamento per suo suocero, che all'epoca aveva il cancro, ha trovato il gruppo LifEscozul.

Vedere di più