Cancro al colon

Il cancro al colon è tra i 5 tumori più comuni che colpiscono uomini e donne nel mondo ed è una delle cause più comuni di morte per cancro.Le possibilità di sopravvivenza a 5 anni di un paziente con cancro al colon dipendono più che altro dallo stadio della malattia, che va dal 90% nelle fasi iniziali al 12% nelle fasi avanzate.

LifEscozul® - Cancro al colon

Le opzioni di trattamento offerte dalla medicina convenzionale vanno dalla chirurgia, alla radioterapia, alla chemioterapia, alla terapia mirata su geni e proteine specifiche del cancro. Le possibilità di successo di questi trattamenti dipendono anche dallo stadio del cancro e portano effetti collaterali diversi. Le opzioni di trattamento e l'efficacia per i pazienti con cancro avanzato sono ancora poche e mirano più che altro a tenere la malattia sotto controllo il più a lungo possibile e ad alleviare i sintomi.

L'Escozul® può essere somministrato insieme a qualsiasi trattamento convenzionale. L'Escozul® cerca di lavorare non solo sul cancro ma anche sulla qualità della vita del paziente. I suoi effetti analgesici e antinfiammatori aiutano a migliorare la qualità della vita in circa il 65-75% dei pazienti trattati. A seconda dello stadio, ci si aspetta uno dei seguenti risultati attraverso il suo effetto antitumorale: essere in grado di rallentare la progressione della malattia, fermare la crescita del tumore, ridurre la dimensione delle lesioni o eliminare le lesioni tumorali.

È importante notare che Escozul® non è considerato una cura per il cancro, è una medicina naturale che trasforma questa malattia mortale in una malattia cronica controllata, offrendo anche qualità di vita.

Risultati in casi diversi

Cancro al colon con metastasi al fegato e al polmone. Paziente: A.C.A Età: 60

Un paziente con cancro al colon sigmoide in stadio IV con metastasi al fegato non presenta lesioni tumorali dopo 10 mesi di trattamento con Escozul®.

A.C.A. è un paziente di 60 anni, che è venuto da noi nel luglio 2017 con una diagnosi di cancro al colon al IV stadio, con metastasi nel fegato e nei polmoni. Era stata trattata con chirurgia e chemioterapia. Dieci mesi dopo aver iniziato il trattamento con Escozul®, La TAC riporta che non ci sono lesioni tumorali in nessuna parte del corpo.

Riassunto del caso:

A.C.A. è un paziente di 60 anni, che è venuto da noi nel luglio 2017 con una diagnosi di cancro al colon con metastasi al fegato e ai polmoni trattato con chirurgia e chemioterapia.

Quando abbiamo ricevuto la documentazione medica siamo stati in grado di confermare che si trattava di un cancro al colon sigmoide inizialmente diagnosticato nel 2014, in particolare un adenocarcinoma infiltrante moderatamente differenziato, con metastasi nel fegato e nei polmoni. In una biopsia polmonare eseguita nel 2017, la malattia era progredita verso un tipo più aggressivo, segnalato come un adenocarcinoma scarsamente differenziato. Questo implica una maggiore capacità di crescere e metastatizzare in altri organi.

Una volta che il caso è stato analizzato dai nostri specialisti, abbiamo informato la figlia della paziente su cosa aspettarsi con Escozul® e le possibilità di ottenere buoni risultati.

Ogni dose di Escozul® è personalizzato, specifico per il tipo e l'aggressività del tumore. Queste dosi possono cambiare nel tempo secondo i risultati osservati nel paziente. Questo richiede una comunicazione efficace tra il paziente e il nostro team medico per permetterci di fare le raccomandazioni appropriate su diversi aspetti. Se il paziente o i membri della famiglia non mantengono una comunicazione fluida con noi, allora i risultati con il paziente non saranno buoni come dovrebbero essere Escozul® non sarà come previsto.

A.C.A. ha iniziato il trattamento con Escozul® nell'agosto 2017, si stava sottoponendo alla chemioterapia.

Sviluppi attuali, monitoraggio e risultati:

La comunicazione con la figlia della signora A.C.A. è stata fluida durante il periodo del trattamento, il che è molto importante per monitorare i risultati e fare gli aggiustamenti necessari.

A marzo 2018 abbiamo ricevuto un rapporto di radiografia del torace che non mostra anomalie e gli esami del sangue che mostrano un CEA normale e solo una delle transaminasi leggermente elevata e la fosfatasi alcalina elevata, anche se meno che negli studi precedenti. Ci informa anche che clinicamente conduce una vita normale.

Nel giugno 2018 ha inviato i risultati delle TAC toracica, addominale e pelvica, dove non sono state riportate alterazioni legate alla malattia, cioè non c'era presenza di cancro negli studi effettuati. I marcatori tumorali CEA e CA 19-9 rimangono normali e le condizioni fisiche del paziente sono riportate come molto buone.

In questo caso, i risultati sono molto positivi, poiché l'uso combinato di Escozul® e la chemioterapia hanno permesso ad A.C.A. di non avere segni della malattia, di avere una migliore aspettativa di vita e di condurre una vita normale.

Come diciamo sempre, è importante sottolineare che non è possibile generalizzare qualsiasi risultato con Escozul® per evitare di suscitare false aspettative nella gente, il Escozul® non fa miracoli. Solo lavorando insieme e comunicando costantemente possiamo mantenere le giuste dosi di Escozul® farmaci antitumorali personalizzati e funzionali.

È anche importante dire che tutte le informazioni mediche sul caso sono disponibili per la consultazione, così come il contatto con la controparte medica sia dell'oncologo che ha seguito il caso che dei nostri specialisti. Crediamo nella trasparenza nel trattare con i nostri pazienti e nel diritto di formarsi un'opinione basata su informazioni e analisi.

Infine, nel gennaio 2018, dopo otto mesi di trattamento con Escozul® e 6 chemioterapie, abbiamo ricevuto il risultato della PET di controllo, in cui non sono visibili né i noduli epatici né quelli polmonari, e i linfonodi che prima mostravano un coinvolgimento tumorale sono ora molto piccoli e non presentano più attività tumorale. Nelle parole di José: "Sono molto felice di vedere i miei risultati, come lo sono i medici. Grazie per avermi ridato la mia aspettativa di vita’.

Se desiderate essere trattati secondo il protocollo con Escozul® dovrebbe sapere quanto segue: il Escozul® è un prodotto che stiamo ancora studiando, comprese le sue altre proprietà come analgesico e antinfiammatorio, quindi non è un prodotto commerciale, cioè non può essere venduto. Ogni caso che vuole essere incluso nel nostro protocollo deve essere valutato e approvato come il Escozul® non è efficace in tutti i tipi di tumore. Una volta approvato, il paziente e i suoi familiari devono accettare di mantenere contatti regolari con il nostro team medico.

Per entrare nel protocollo è necessario inviare una mail a: servicios@lifescozulcuba.com indicando l'età del paziente, il tipo di cancro e lo stato fisico ed emotivo del paziente. Questo è il primo passo, e uno specialista si occuperà del caso. Il nostro tempo di risposta è di un'ora o due, poiché ogni caso viene risolto personalmente, non automaticamente. l'idea è che la comunicazione che stabiliamo sia sempre governata da un trattamento professionale e umano.

Preparato dal Gruppo LifEscozul® Luglio/2018

Documenti medici

LifEscozul® - A.C.A. 1 - Cancro al colon
LifEscozul® - A.C.A. 2 - Cancro al colon
LifEscozul® - A.C.A. 3 - Cancro al colon
LifEscozul® - A.C.A. 4 - Cancro al colon
LifEscozul® - A.C.A. 5 - Cancro al colon
LifEscozul® - A.C.A. 6 - Cancro al colon
LifEscozul® - A.C.A. 7 - Cancro al colon

Cancro colorettale con metastasi multiple. Paziente: José Età: 51

Paziente con cancro colorettale operato con comparsa di metastasi linfonodali, epatiche e polmonari, riesce ad eliminare la malattia 8 mesi dopo aver iniziato il trattamento con Escozul®

José è un paziente di 51 anni che è venuto da noi alla fine del 2016, alla ricerca di escozul per un parente. Nonostante sia lui stesso un paziente oncologico, operato per un cancro al colon-retto con metastasi al fegato, nel dicembre 2016, era libero dal cancro e solo su controlli di sorveglianza. A maggio 2017, tuttavia, ha scoperto ad un controllo che la malattia era tornata, con metastasi nei polmoni, nei linfonodi e di nuovo nel fegato, così abbiamo analizzato il suo caso e ha iniziato immediatamente con Escozul®. Dopo 8 mesi di utilizzo Escozul® Insieme ai trattamenti convenzionali, l'ultimo esame di José ha rivelato che la malattia è scomparsa!

Riassunto del caso:

Joseph ha iniziato con Escozul® nel maggio 2017. In precedenza aveva sofferto di cancro colorettale con metastasi al fegato, che era stato trattato con chemioterapia e radioterapia e operato. Sfortunatamente, dopo alcuni mesi di controlli successivi, si è scoperto con una TAC che la malattia era tornata e aveva metastatizzato in più siti.

Quando abbiamo ricevuto i documenti del caso, siamo stati in grado di confermare che José aveva un coinvolgimento linfonodale nel retroperitoneo, ilo epatico e regione sopraclavicolare sinistra, 4 lesioni nodulari nel fegato, e noduli in entrambi i polmoni compatibili con metastasi.

Una volta che il caso è stato analizzato dai nostri specialisti, abbiamo informato la famiglia su cosa potevano aspettarsi con Escozul® e le possibilità di ottenere buoni risultati. Nei casi in cui la malattia si riproduce in breve tempo e ci sono metastasi in più punti, le possibilità di un buon risultato non sono le migliori.

Ogni dose di Escozul® è personalizzato, specifico per il tipo e l'aggressività del tumore. Queste dosi possono cambiare nel tempo secondo i risultati osservati nel paziente. Questo richiede una comunicazione efficace tra il paziente e il nostro team medico per permetterci di fare le raccomandazioni appropriate su diversi aspetti. Se il paziente o i membri della famiglia non mantengono una comunicazione fluida con noi, allora i risultati con il paziente non saranno buoni come dovrebbero essere Escozul® non sarà come previsto.

José ha iniziato il trattamento con Escozul® all'inizio di maggio 2017.

Sviluppi attuali, monitoraggio e risultati:

José è una persona che si è dimostrata positiva e determinata, con la volontà di combattere e superare la malattia e ha sempre mantenuto una comunicazione frequente con il nostro team medico e una grande disciplina nel prendere le medicine giuste Escozul®.

Dalle prime settimane di utilizzo Escozul® Ci ha detto che il dolore che aveva sofferto in precedenza per le coliche, e i dolori alla spina dorsale e alla testa, sono scomparsi e che il suo transito intestinale è tornato alla normalità.

José ha anche iniziato a ricevere la chemioterapia e un farmaco della categoria degli anticorpi monoclonali.

Ad agosto 2017, aveva riacquistato 4 kg di peso e ha riferito che gli effetti collaterali dei trattamenti convenzionali erano molto lievi e di breve durata.

A settembre, José ha commentato che era in ottima salute con una buona qualità di vita, conducendo una vita normale, lavorando e camminando 2 km al giorno.

A novembre, José stava ancora molto bene e ha commentato che stava continuando il suo trattamento con Escozul® Stava ancora molto bene e anche i medici erano stupiti delle sue condizioni generali e del fatto che non aveva quasi perso i capelli e aveva guadagnato peso.

Infine, nel gennaio 2018, dopo otto mesi di trattamento con Escozul® e 6 chemioterapie, abbiamo ricevuto il risultato della PET di controllo, in cui non sono visibili né i noduli epatici né quelli polmonari, e i linfonodi che prima mostravano un coinvolgimento tumorale sono ora molto piccoli e non presentano più attività tumorale. Nelle parole di José: "Sono molto felice di vedere i miei risultati, come lo sono i medici. Grazie per avermi ridato la mia aspettativa di vita’.

In questo caso, ciò è stato ottenuto con l'uso congiunto di Escozul® e il trattamento convenzionale, eliminare la malattia. José è stato in grado di recuperare e mantenere la sua qualità di vita nonostante la chemioterapia e ha di nuovo una migliore prospettiva e aspettativa di vita.

Come diciamo sempre, è importante sottolineare che non è possibile generalizzare qualsiasi risultato con Escozul® per evitare di suscitare false aspettative nella gente, il Escozul® non fa miracoli. Solo lavorando insieme e comunicando costantemente possiamo mantenere le giuste dosi di Escozul® farmaci antitumorali personalizzati e funzionali.

È anche importante dire che tutte le informazioni mediche sul caso sono disponibili per la consultazione, così come il contatto con la controparte medica sia dell'oncologo che ha seguito il caso che dei nostri specialisti. Crediamo nella trasparenza nel trattare con i nostri pazienti e nel diritto di formarsi un'opinione basata su informazioni e analisi.

Se desiderate essere trattati secondo il protocollo con Escozul® dovrebbe sapere quanto segue: il Escozul® è un prodotto che stiamo ancora studiando, comprese le sue altre proprietà come analgesico e antinfiammatorio, quindi non è un prodotto commerciale, cioè non può essere venduto. Ogni caso che vuole essere incluso nel nostro protocollo deve essere valutato e approvato come il Escozul® non è efficace in tutti i tipi di tumore. Una volta approvato, il paziente e i suoi familiari devono accettare di mantenere contatti regolari con il nostro team medico.

Per entrare nel protocollo è necessario inviare una mail a: servicios@lifescozulcuba.com indicando l'età del paziente, il tipo di cancro e lo stato fisico ed emotivo del paziente. Questo è il primo passo, e uno specialista si occuperà del caso. Il nostro tempo di risposta è di un'ora o due, poiché ogni caso viene risolto personalmente, non automaticamente. l'idea è che la comunicazione che stabiliamo sia sempre governata da un trattamento professionale e umano.

Preparato dal Gruppo LifEscozul® Gennaio/2018

Documenti medici

LifEscozul® - José 1 - Cancro al colon
LifEscozul® - José 2 - Cancro al colon
LifEscozul® - José 3 - Cancro al colon
LifEscozul® - José 4 - Cancro al colon

Cancro del retto medio e inferiore. Paziente: Concepcion Età: 73

Un paziente con cancro rettale riesce a superare la malattia dopo 6 mesi di trattamento con Escozul®

Concepción è una paziente di 73 anni con una storia di cancro al seno trattato con chemioterapia. Nel febbraio 2017, è stato scoperto un nuovo tumore primario, questa volta nel retto inferiore. Dopo 6 mesi di trattamento, gli esami di Concepción non mostrano segni del tumore nel retto.

Riassunto del caso:

Condividiamo il caso di una paziente di 73 anni che è venuta da noi nel febbraio 2017, con una nuova diagnosi di cancro rettale inferiore.

Quando abbiamo ricevuto la documentazione medica abbiamo potuto confermare che Concepción aveva un tumore circonferenziale dall'ano a 8 cm dal margine anale, che è stato determinato dalla biopsia come un carcinoma squamocellulare moderatamente differenziato, cheratinizzante, infiltrante e ulcerato.

In termini di sintomi, aveva dolore nella zona anale, ed era depressa dalla sua diagnosi, considerando che aveva già combattuto il cancro al seno in passato.

Una volta che il caso è stato analizzato dai nostri specialisti, abbiamo informato la famiglia su cosa potevano aspettarsi con Escozul® e le possibilità di ottenere buoni risultati. Il caso di Concepción è stato scoperto nelle prime fasi, quando non si era ancora diffuso ad altri organi, il che rende sempre più probabile un buon esito.

Ogni dose di Escozul® è personalizzato, specifico per il tipo e l'aggressività del tumore. Queste dosi possono cambiare nel tempo secondo i risultati osservati nel paziente. Questo richiede una comunicazione efficace tra il paziente e il nostro team medico per permetterci di fare le raccomandazioni appropriate su diversi aspetti. Se il paziente o i membri della famiglia non mantengono una comunicazione fluida con noi, allora i risultati con il paziente non saranno buoni come dovrebbero essere Escozul® non sarà come previsto.

Concepción ha iniziato il trattamento con Escozul® nel marzo 2017. Doveva iniziare la radioterapia e la chemioterapia orale.

Sviluppi attuali, monitoraggio e risultati:

Cinque mesi e mezzo dopo l'inizio del trattamento, la nuova colonscopia eseguita su Concepción ha mostrato che non c'era alcuna lesione e che sia il colon che l'ampolla rettale erano normali.

I risultati nel caso di Concepción sono eccellenti, con una diagnosi precoce e la combinazione di trattamenti applicati, è stato possibile eliminare la malattia in meno di 6 mesi.

In questo caso, l'indicazione è di continuare il trattamento con Escozul® fino al completamento dei primi 6 mesi dopo il primo esame senza la presenza di cellule tumorali.

Come diciamo sempre, è importante sottolineare che non è possibile generalizzare qualsiasi risultato con Escozul® per evitare di suscitare false aspettative nella gente, il Escozul® non fa miracoli. Solo lavorando insieme e comunicando costantemente possiamo mantenere le giuste dosi di Escozul® farmaci antitumorali personalizzati e funzionali.

È anche importante dire che tutte le informazioni mediche sul caso sono disponibili per la consultazione, così come il contatto con la controparte medica sia dell'oncologo che ha seguito il caso che dei nostri specialisti. Crediamo nella trasparenza nel trattare con i nostri pazienti e nel diritto di formarsi un'opinione basata su informazioni e analisi.

Se desiderate essere trattati secondo il protocollo con Escozul® dovrebbe sapere quanto segue: il Escozul® è un prodotto che stiamo ancora studiando, comprese le sue altre proprietà come analgesico e antinfiammatorio, quindi non è un prodotto commerciale, cioè non può essere venduto. Ogni caso che vuole essere incluso nel nostro protocollo deve essere valutato e approvato come il Escozul® non è efficace in tutti i tipi di tumore. Una volta approvato, il paziente e i suoi familiari devono accettare di mantenere contatti regolari con il nostro team medico.

Per entrare nel protocollo è necessario inviare una mail a: servicios@lifescozulcuba.com indicando l'età del paziente, il tipo di cancro e lo stato fisico ed emotivo del paziente. Questo è il primo passo, e uno specialista si occuperà del caso. Il nostro tempo di risposta è di un'ora o due, poiché ogni caso viene risolto personalmente, non automaticamente. l'idea è che la comunicazione che stabiliamo sia sempre governata da un trattamento professionale e umano.

Preparato dal Gruppo LifEscozul® Settembre/2017

Documenti medici

LifEscozul® - Concepción 1 - Cancro al colon
LifEscozul® - Concepción 2 - Cancro al colon
LifEscozul® - Concepción 3 - Cancro al colon

Tumore al colon operato con metastasi al fegato, ai polmoni e al linfonodo pelvico. Paziente: Julia Età: 56

Paziente con cancro al colon avanzato con metastasi al fegato, ai polmoni e al linfonodo pelvico che, dopo 6 mesi di trattamento, è riuscito a eliminare la malattia..

Julia è una paziente di 56 anni a cui è stato diagnosticato e operato un cancro al colon nel 2015. Quando abbiamo ricevuto il suo caso nel novembre 2016, aveva metastasi nel fegato e nei polmoni. È venuta da noi alla ricerca di un trattamento che la aiutasse a combattere la malattia che continuava a progredire nonostante la chemioterapia.

Riassunto del caso:

Oggi condividiamo il caso di un paziente di 56 anni che è venuto da noi nel novembre 2016, con una diagnosi di cancro al colon in fase avanzata con metastasi ai polmoni, al fegato e al linfonodo pelvico.

Quando abbiamo ricevuto la documentazione medica abbiamo potuto confermare che Julia aveva una diagnosi di cancro al colon, nello specifico un adenocarcinoma moderatamente differenziato operato nel 2015, con lesioni tumorali metastatiche nel fegato, nei polmoni e nel linfonodo pelvico apparse nel 2016.

In termini di sintomi, aveva disagio nella zona polmonare destra, depressione, vertigini e perdita di appetito legati alla chemioterapia.

Una volta che il caso è stato analizzato dai nostri specialisti, abbiamo informato la paziente e i suoi parenti su ciò che potevano aspettarsi con Escozul® e le possibilità di ottenere buoni risultati. In questo caso, e data l'esperienza precedente con casi simili, speravamo di aiutare almeno ad arrestare la progressione della malattia.

Ogni dose di Escozul® è personalizzato, specifico per il tipo e l'aggressività del tumore. Queste dosi possono cambiare nel tempo secondo i risultati osservati nel paziente. Questo richiede una comunicazione efficace tra il paziente e il nostro team medico per permetterci di fare le raccomandazioni appropriate su diversi aspetti. Se il paziente o i membri della famiglia non mantengono una comunicazione fluida con noi, allora i risultati con il paziente non saranno buoni come dovrebbero essere Escozul® non sarà come previsto.

Julia ha iniziato il trattamento con Escozul® nel dicembre 2016. Si sottoponeva ancora alla chemioterapia in modo irregolare secondo la disponibilità di medicinali nell'ospedale.

Sviluppi attuali, monitoraggio e risultati:

Dalle prime settimane di trattamento Julia mostrò un miglioramento dei suoi sintomi, i suoi parenti ci informarono che cominciò ad avere più appetito e più energia per svolgere le sue attività quotidiane.

Abbiamo ricevuto la prima TAC nel marzo 2017, anche se non avevamo nulla con cui confrontare specificamente i risultati, dato che la TAC precedente era del settembre 2016 e Julia ha iniziato il suo trattamento con Escozul® nel dicembre 2016, quindi abbiamo preso questa tomografia di marzo come riferimento.

Ad aprile, gli esami del sangue di Julia erano tutti normali, anche se stava ancora ricevendo la chemioterapia.

La TAC che abbiamo ricevuto nel giugno 2017 ci ha portato ottime notizie. Non c'erano lesioni tumorali nel petto, nell'addome o nella pelvi. La malattia era scomparsa.
Julia viveva una vita normale senza alcun disagio ed era riuscita a riprendere peso.

La TAC dell'ottobre 2017 mostra di nuovo che non sono state identificate lesioni tumorali. La famiglia riferisce che il paziente è pieno di energia e ha riacquistato 7 chilogrammi di peso dall'inizio del trattamento nonostante la chemioterapia.

Julia è attualmente in trattamento con Escozul® con dosi crescenti, cercando di mantenere i risultati ottenuti.

In questo caso, le lesioni tumorali in tutti gli organi colpiti sono state eliminate. Questo è un risultato eccellente, perché cambia la prognosi della malattia di Julia e la aiuta a condurre una vita normale con la sua famiglia.

Come diciamo sempre, è importante sottolineare che non è possibile generalizzare qualsiasi risultato con Escozul® per evitare di suscitare false aspettative nella gente, il Escozul® non fa miracoli. Solo lavorando insieme e comunicando costantemente possiamo mantenere le giuste dosi di Escozul® farmaci antitumorali personalizzati e funzionali.

È anche importante dire che tutte le informazioni mediche sul caso sono disponibili per la consultazione, così come il contatto con la controparte medica sia dell'oncologo che ha seguito il caso che dei nostri specialisti. Crediamo nella trasparenza nel trattare con i nostri pazienti e nel diritto di formarsi un'opinione basata su informazioni e analisi.

Se desiderate essere trattati secondo il protocollo con Escozul® dovrebbe sapere quanto segue: il Escozul® è un prodotto che stiamo ancora studiando, comprese le sue altre proprietà come analgesico e antinfiammatorio, quindi non è un prodotto commerciale, cioè non può essere venduto. Ogni caso che vuole essere incluso nel nostro protocollo deve essere valutato e approvato come il Escozul® non è efficace in tutti i tipi di tumore. Una volta approvato, il paziente e i suoi familiari devono accettare di mantenere contatti regolari con il nostro team medico.

Per entrare nel protocollo è necessario inviare una mail a: servicios@lifescozulcuba.com indicando l'età del paziente, il tipo di cancro e lo stato fisico ed emotivo del paziente. Questo è il primo passo, e uno specialista si occuperà del caso. Il nostro tempo di risposta è di un'ora o due, poiché ogni caso viene risolto personalmente, non automaticamente. l'idea è che la comunicazione che stabiliamo sia sempre governata da un trattamento professionale e umano.

Preparato dal Gruppo LifEscozul® Luglio/2017

Documenti medici

LifEscozul® - Julia 1 - Cancro al colon
LifEscozul® - Julia 2 - Cancro al colon
LifEscozul® - Julia 3 - Cancro al colon

Cancro al colon con metastasi al fegato Paziente: Luis Età: 58 anni

Paziente con cancro al colon operato nel 2014, che ha presentato metastasi al fegato nell'ottobre 2016, rimosse chirurgicamente e ricomparse nel gennaio 2017, è riuscito a eliminare i tumori nel fegato dopo tre mesi di trattamento.

Luis è un paziente di 58 anni che è stato diagnosticato e operato per un cancro al colon nel 2014. Nel 2016 ha presentato una ricaduta della malattia nell'ottobre 2016 con metastasi nel fegato, che sono state rimosse chirurgicamente. Ha poi iniziato la chemioterapia, ma nel gennaio 2017 sono apparse nuove metastasi al fegato. È venuto da noi nel marzo 2017 attraverso sua moglie, alla ricerca di un trattamento che lo aiuti a contrastare la malattia dopo 3 anni di lotta.

Riassunto del caso:

Condividiamo il caso di un paziente di 58 anni che è venuto da noi nel marzo 2017, con una diagnosi di cancro al colon operato con metastasi al fegato. Si tratta di un paziente che è stato in trattamento per un tempo molto breve, dato che ha appena completato 3 mesi, ma in un tempo così breve sono stati ottenuti risultati molto buoni, dato che nel suo ultimo esame i tumori non sono più visibili nel fegato.

Quando abbiamo ricevuto la documentazione medica abbiamo potuto confermare che Luis era stato operato per un cancro al colon (nello specifico un adenocarcinoma ben differenziato), che dopo l'intervento nel 2014, ha metastatizzato al fegato per la prima volta nell'ottobre 2016, con coinvolgimento del segmento VII, lobo sinistro, che è stato rimosso chirurgicamente (segmentectomia), e nuovamente metastatizzato al fegato nel gennaio 2017, con 3 lesioni tumorali nel lobo destro, tra 0,5 e 1,5 cm di dimensione.

Una volta che il caso è stato analizzato dai nostri specialisti, abbiamo informato la moglie di Luis su cosa potevano aspettarsi con Escozul® e le possibilità di ottenere buoni risultati.

Ogni dose di Escozul® è personalizzato, specifico per il tipo e l'aggressività del tumore. Queste dosi possono cambiare nel tempo secondo i risultati osservati nel paziente. Questo richiede una comunicazione efficace tra il paziente e il nostro team medico per permetterci di fare le raccomandazioni appropriate su diversi aspetti. Se il paziente o i membri della famiglia non mantengono una comunicazione fluida con noi, allora i risultati con il paziente non saranno buoni come dovrebbero essere Escozul® non sarà come previsto.

Luis ha iniziato il trattamento con Escozul® nel marzo 2017.

Sviluppi attuali, monitoraggio e risultati:

A nostro parere, il caso di Luis ha avuto un'evoluzione insolita, poiché i carcinomi ben differenziati tendono ad avere meno tendenza a metastatizzare. Nonostante questo, Luis ha metastatizzato due volte, l'ultima volta solo 3 mesi dopo l'operazione precedente.

Dopo la prima comparsa nel 2016 della metastasi al fegato che è stata operata, Luis ha iniziato la chemioterapia, che non ha impedito ai tumori di comparire nuovamente nel suo fegato nel gennaio 2017. Secondo la famiglia, l'uso della chemioterapia non è stato continuo, a causa delle variazioni nella disponibilità dei farmaci chemioterapici nel sistema sanitario del suo paese. Dopo aver iniziato con Escozul®, Luis ha trascorso due mesi senza chemioterapia, consumando solo il Escozul®.

Dopo 3 mesi di trattamento continuo con Escozul®, Abbiamo ricevuto sia un'ecografia che una TAC dell'addome e del bacino di Luis, che hanno mostrato che non c'erano lesioni nel fegato. Le 3 lesioni tumorali precedentemente osservate erano scomparse.

La nuova TAC eseguita a fine settembre non riporta alcuna evidente alterazione di complicazione, gli unici elementi menzionati che non sono normali sono in relazione all'impronta chirurgica, ma non vengono menzionate masse o adenopatie. Conferma che non ci sono prove di malattia.

Luis è attualmente in trattamento con Escozul® con dosi crescenti, cercando di mantenere i risultati ottenuti e aiutarlo ad avere una migliore qualità di vita e una migliore aspettativa di sopravvivenza.

Come diciamo sempre, è importante sottolineare che non è possibile generalizzare qualsiasi risultato con Escozul® per evitare di suscitare false aspettative nella gente, il Escozul® non fa miracoli. Solo lavorando insieme e comunicando costantemente possiamo mantenere le giuste dosi di Escozul® farmaci antitumorali personalizzati e funzionali.

È anche importante dire che tutte le informazioni mediche sul caso sono disponibili per la consultazione, così come il contatto con la controparte medica sia dell'oncologo che ha seguito il caso che dei nostri specialisti. Crediamo nella trasparenza nel trattare con i nostri pazienti e nel diritto di formarsi un'opinione basata su informazioni e analisi.

Se desiderate essere trattati secondo il protocollo con Escozul® dovrebbe sapere quanto segue: il Escozul® è un prodotto che stiamo ancora studiando, comprese le sue altre proprietà come analgesico e antinfiammatorio, quindi non è un prodotto commerciale, cioè non può essere venduto. Ogni caso che vuole essere incluso nel nostro protocollo deve essere valutato e approvato come il Escozul® non è efficace in tutti i tipi di tumore. Una volta approvato, il paziente e i suoi familiari devono accettare di mantenere contatti regolari con il nostro team medico.

Per entrare nel protocollo è necessario inviare una mail a: servicios@lifescozulcuba.com indicando l'età del paziente, il tipo di cancro e lo stato fisico ed emotivo del paziente. Questo è il primo passo, e uno specialista si occuperà del caso. Il nostro tempo di risposta è di un'ora o due, poiché ogni caso viene risolto personalmente, non automaticamente. l'idea è che la comunicazione che stabiliamo sia sempre governata da un trattamento professionale e umano.

Preparato dal Gruppo LifEscozul® Maggio/2017

Documenti medici

LifEscozul® - Luis 1 - Cancro al colon
LifEscozul® - Luis 2 - Cancro al colon
LifEscozul® - Luis 3 - Cancro al colon
LifEscozul® - Luis 4 - Cancro al colon
LifEscozul® - Luis 5 - Cancro al colon

Paziente con cancro rettale avanzato: Daniel Età: 47 anni

Il paziente con cancro rettale avanzato ottiene una riduzione della malattia entro 3 mesi dall'utilizzo Escozul®.

Daniel è un paziente di 47 anni a cui è stato diagnosticato un cancro rettale avanzato. È venuto da noi all'inizio di dicembre 2016, tramite sua sorella, alla ricerca di altre opzioni di trattamento per migliorare le sue prospettive di convivenza con la malattia.

Riassunto del caso:

Il caso che condividiamo oggi riguarda un paziente di 47 anni che è venuto da noi all'inizio di dicembre 2016, con una recente diagnosi di cancro rettale scoperto in uno stadio avanzato, quando aveva già metastasi in più sedi.

Quando abbiamo ricevuto la documentazione medica siamo stati in grado di confermare che si trattava di un cancro primario del retto (lesione di 5,5 cm) in particolare un cancro infiltrante moderatamente differenziato con metastasi ai polmoni (noduli multipli, il più grande misura 22 mm), al fegato (lesione secondaria di 36 mm), al grasso mesorettale e alla regione pararettale destra, e ai linfonodi (il più grande misura 25 mm).

In termini di sintomi Daniel presentava dolore alla schiena e alla vita, perdita di peso e stava attraversando un processo di depressione in seguito alla diagnosi della malattia.

Una volta che il caso è stato analizzato dai nostri specialisti, abbiamo informato il paziente su cosa poteva aspettarsi con Escozul® e le possibilità di ottenere buoni risultati. In questo caso, la malattia è stata scoperta in uno stadio molto avanzato e le possibilità di un buon esito non erano le migliori.

Ogni dose di Escozul® è personalizzato, specifico per il tipo e l'aggressività del tumore. Queste dosi possono cambiare nel tempo secondo i risultati osservati nel paziente. Questo richiede una comunicazione efficace tra il paziente e il nostro team medico per permetterci di fare le raccomandazioni appropriate su diversi aspetti. Se il paziente o i membri della famiglia non mantengono una comunicazione fluida con noi, allora i risultati con il paziente non saranno buoni come dovrebbero essere Escozul® non sarà come previsto.

Daniel ha iniziato il trattamento con Escozul® nel dicembre 2016. Doveva iniziare la chemioterapia

Sviluppi attuali, monitoraggio e risultati:

Nel caso di Daniel, abbiamo iniziato con una dose molto forte che viene prescritta per i pazienti in stadio molto avanzato.

Dopo tre mesi di trattamento e nonostante la chemioterapia, Daniel ha riacquistato 13 kg di peso (aveva perso 40 kg quando gli è stata diagnosticata la malattia), ha aumentato il suo appetito, ha un aspetto migliore, è tornato alle attività quotidiane dopo diversi mesi in cui era per lo più costretto a letto, e ora è di nuovo in piedi.

Il 23 marzo 2017 è stata eseguita una nuova TAC, il giorno esatto dei suoi tre mesi di uso continuo di Escozul®. Questa nuova TAC mostra la riduzione del nodulo polmonare più grande a 20 mm (anteriore 22 mm) e la scomparsa degli altri noduli. La lesione epatica è ridotta a 24 mm (media anteriore 36 mm). La lesione primaria nel retto è stata ridotta, che ora appare come un leggero ispessimento della parete, così come il nodulo nel grasso mesorettale. Non si vede alcun coinvolgimento linfonodale.

La scansione PET/CT del luglio 2017 mostra che la lesione rettale rimane invariata con possibili cambiamenti infiammatori, il che significa che finora non è cambiata significativamente e sarebbe positiva perché non è cresciuta. Le lesioni polmonari, epatiche e mesorettali, sebbene ancora metabolicamente attive, sono diminuite di dimensioni, specialmente quelle nel fegato e nei linfonodi, il che è anche una risposta positiva.

I risultati nel caso di Daniel, ottenuti con l'uso congiunto del Escozul® e la chemioterapia, sono stati molto buoni per il tempo in cui è stato sotto trattamento, sia fisicamente che in termini di malattia in quanto tale. Abbiamo ottenuto una riduzione delle dimensioni e l'eliminazione delle lesioni tumorali, nonostante la cattiva prognosi iniziale data al caso. Questi sono risultati eccellenti che migliorano considerevolmente la prospettiva e la qualità di vita di Daniel.

Continuiamo il trattamento con Escozul® con l'intenzione di mantenere e migliorare i risultati ottenuti, in modo che Daniel possa continuare a combattere la malattia e vivere una vita il più normale possibile, circondato dall'amore della sua famiglia.

Come diciamo sempre, è importante sottolineare che non è possibile generalizzare qualsiasi risultato con Escozul® per evitare di suscitare false aspettative nella gente, il Escozul® non fa miracoli. Solo lavorando insieme e comunicando costantemente possiamo mantenere le giuste dosi di Escozul® farmaci antitumorali personalizzati e funzionali.

È anche importante dire che tutte le informazioni mediche sul caso sono disponibili per la consultazione, così come il contatto con la controparte medica sia dell'oncologo che ha seguito il caso che dei nostri specialisti. Crediamo nella trasparenza nel trattare con i nostri pazienti e nel diritto di formarsi un'opinione basata su informazioni e analisi.

Se desiderate essere trattati secondo il protocollo con Escozul® dovrebbe sapere quanto segue: il Escozul® è un prodotto che stiamo ancora studiando, comprese le sue altre proprietà come analgesico e antinfiammatorio, quindi non è un prodotto commerciale, cioè non può essere venduto. Ogni caso che vuole essere incluso nel nostro protocollo deve essere valutato e approvato come il Escozul® non è efficace in tutti i tipi di tumore. Una volta approvato, il paziente e i suoi familiari devono accettare di mantenere contatti regolari con il nostro team medico.

Per entrare nel protocollo è necessario inviare una mail a: servicios@lifescozulcuba.com indicando l'età del paziente, il tipo di cancro e lo stato fisico ed emotivo del paziente. Questo è il primo passo, e uno specialista si occuperà del caso. Il nostro tempo di risposta è di un'ora o due, poiché ogni caso viene risolto personalmente, non automaticamente. l'idea è che la comunicazione che stabiliamo sia sempre governata da un trattamento professionale e umano.

Preparato dal Gruppo LifEscozul® Aprile/2017

Documenti medici

LifEscozul® - Daniel 1 - Cancro al colon
LifEscozul® - Daniel 2 - Cancro al colon

Paziente con cancro al colon metastatico: Itzvan Età: 64 anni

Itzvan è un paziente di 64 anni, inizialmente diagnosticato con un cancro al colon che è stato rimosso chirurgicamente

Diagnosi iniziale:

Itzvan è un paziente di 64 anni, inizialmente diagnosticato con un cancro al colon che è stato rimosso chirurgicamente. Quando ci ha contattato, aveva anche metastasi nel polmone, che non erano diminuite nonostante la chemioterapia, e nel fegato, che erano aumentate in dimensioni e numero durante la chemioterapia.

Abbiamo ricevuto la documentazione medica di Itzvan e abbiamo potuto confermare che la diagnosi iniziale era un cancro al colon, nello specifico un adenocarcinoma infiltrante di tipo intestinale, operato nel giugno 2016, che ha metastatizzato al polmone e al fegato. Si era sottoposto a chemioterapia e in un esame di follow-up, i noduli nel polmone erano rimasti della stessa dimensione, ma i noduli nel fegato erano aumentati di dimensione ed erano apparsi nuovi noduli tumorali.

Una volta che il caso è stato analizzato dai nostri specialisti, abbiamo informato il paziente su cosa aspettarsi con Escozul® e le possibilità di ottenere buoni risultati.

Ogni dose di Escozul® è personalizzato, specifico per il tipo e l'aggressività del tumore. Queste dosi possono cambiare nel tempo secondo i risultati osservati nel paziente. Questo richiede una comunicazione efficace tra il paziente e il nostro team medico per permetterci di fare le raccomandazioni appropriate su diversi aspetti. Se il paziente o i membri della famiglia non mantengono una comunicazione fluida con noi, allora i risultati con il paziente non saranno buoni come dovrebbero essere Escozul® non sarà come previsto.

Itzvan ha iniziato il trattamento con Escozul® nel dicembre 2016, mentre continuava la chemioterapia.

Sviluppi e risultati attuali:

Itzvan cominciò a ricevere Escozul® su base regolare dal dicembre 2016. Ha avuto il suo primo esame di controllo nei primi giorni di marzo 2017. I risultati mostrano che la malattia a livello polmonare continua ad essere stabile. La grande sorpresa è arrivata esaminando i risultati ottenuti a livello del fegato: sia l'infiammazione epatica che le lesioni tumorali nel fegato sono diminuite di dimensioni, con il nodulo più grande che è diminuito del 22%.

Questo è un risultato molto importante, perché prima di iniziare con Escozul®, nonostante fosse in chemioterapia da 6 mesi, i noduli nel fegato erano aumentati e nuovi noduli erano apparsi.

Introducendo l'uso di Escozul®, la malattia è stata controllata e ridotta a livello epatico nel corso di 3 mesi, il che è molto positivo per l'evoluzione del paziente, anche se la malattia è ancora avanzata e c'è ancora molto da far.

Questi risultati aprono una porta di speranza che incoraggia i pazienti e le loro famiglie a continuare a lottare.

Come diciamo sempre, è importante sottolineare che non è possibile generalizzare qualsiasi risultato con Escozul® per evitare di suscitare false aspettative nella gente, il Escozul® non fa miracoli. Solo lavorando insieme e comunicando costantemente possiamo mantenere le giuste dosi di Escozul® farmaci antitumorali personalizzati e funzionali.

È anche importante dire che tutte le informazioni mediche sul caso sono disponibili per la consultazione, così come il contatto con la controparte medica sia dell'oncologo che ha seguito il caso che dei nostri specialisti. Crediamo nella trasparenza nel trattare con i nostri pazienti e nel diritto di formarsi un'opinione basata su informazioni e analisi.

Se desiderate essere trattati secondo il protocollo con Escozul® dovrebbe sapere quanto segue: il Escozul® è un prodotto che stiamo ancora studiando, comprese le sue altre proprietà come analgesico e antinfiammatorio, quindi non è un prodotto commerciale, cioè non può essere venduto. Ogni caso che vuole essere incluso nel nostro protocollo deve essere valutato e approvato perché il Escozul® non è efficace in tutti i tipi di tumore. Una volta approvato, il paziente e i suoi familiari devono accettare di mantenere contatti regolari con il nostro team medico.

Per entrare nel protocollo è necessario inviare una mail a: servicios@lifescozulcuba.com indicando l'età del paziente, il tipo di cancro e lo stato fisico ed emotivo del paziente. Questo è il primo passo, e uno specialista si occuperà del caso. Il nostro tempo di risposta è di un'ora o due, poiché ogni caso viene risolto personalmente, non automaticamente. l'idea è che la comunicazione che stabiliamo sia sempre governata da un trattamento professionale e umano.

Preparato dal Gruppo LifEscozul® Marzo/2017

Documenti medici

LifEscozul® - Itzvan 1 - Cancro al colon
LifEscozul® - Itzvan 2 - Cancro al colon
LifEscozul® - Itzvan 3 - Cancro al colon
LifEscozul® - Itzvan 4 - Cancro al colon

Cancro al colon operato Paziente: Carmen Età: 76 anni

Paziente con cancro al colon operato con metastasi ottiene un controllo efficace in combinazione con la chemioterapia e Escozul®.

Diagnosi iniziale:

Cancro al colon operato nel 2012. Metastasi linfonodali nel collo, nell'ascella sinistra e nelle catene iliache e inguinali, nel mediastino nel tessuto solido paravertebrale destro a livello di T10, nelle strutture ossee (omero sinistro, sacro sinistro, acetabolo sinistro, ramo ischiopubico sinistro).

Sintomi iniziali:

• dolore alla spalla destra

• perdita di appetito secondaria alla chemioterapia

• riposo notturno irregolare

• mal di testa occasionale

• nausea

• vomito

• Anemia

Trattamenti:

È iniziato con Escozul® nel febbraio 2015. La paziente era sottoposta a un trattamento di chemioterapia con effetti avversi importanti per la sua qualità di vita.

È importante ricordare che il Escozul® è un prodotto naturale che ha la capacità di eliminare le cellule tumorali, senza che questo significhi che sia una cura per il cancro. La sua capacità di inibire la crescita delle cellule maligne le permette di essere usata come controllore della malattia e l'obiettivo del lavoro è di permettere al paziente di vivere con la sua malattia con il minor disturbo possibile alla sua routine quotidiana.

Sviluppi e risultati attuali:

Dall'inizio del trattamento, il paziente riferisce un miglioramento dei sintomi secondari alla chemioterapia. Un mese e mezzo dopo il trattamento, questo miglioramento si riflette nelle analisi del sangue, dove è evidente che non c'è più anemia, l'emoglobina del paziente è nella gamma normale.

Alla fine di maggio, tre mesi e mezzo dopo l'inizio del trattamento, le sue condizioni fisiche sono riportate come stabili. Una scansione PET/CT di tutto il corpo ha mostrato che le metastasi linfonodali erano diminuite in dimensioni: nel collo da 14mm a 11mm, nell'ascella sinistra da 18mm a 15mm, nelle catene iliache da 23mm a 19mm e nell'inguine da 23mm a 16mm; non è stato osservato alcun coinvolgimento mediastinico, le metastasi ossee erano stabili, le metastasi nell'omero non sono state osservate, le metastasi linfonodali erano stabili, e non vi erano metastasi nell'ascella sinistra da 18mm a 15mm.

A luglio il paziente ha riferito di sentirsi in buona salute, senza grandi disturbi. l'oncologo ha interrotto la chemioterapia, e il paziente è ora solo con Escozul®, rimedi antiossidanti naturali e una dieta sana.

In questo caso, la qualità della vita del paziente è migliorata e la malattia è stata tenuta sotto controllo, con una riduzione delle dimensioni delle metastasi e di alcune di esse
sedi metastatiche. Questi risultati contribuiscono a una sopravvivenza più lunga con qualità di vita per il paziente, che è molto importante per qualsiasi malato di cancro, non solo per continuare a vivere, ma per sentirsi bene e poter vivere una vita praticamente normale.

È importante notare che non è possibile generalizzare alcun risultato con Escozul® per evitare di creare false aspettative nelle persone. Ogni caso che riceviamo viene analizzato per informare la famiglia su cosa aspettarsi. Ogni persona è un universo completamente diverso, anche se ha la stessa malattia. Questo documento non è una testimonianza ma una sintesi dell'evoluzione in cui le informazioni mediche sono disponibili per la consultazione.

Documenti medici

LifEscozul® - Carmen 1 - Cancro al colon
LifEscozul® - Carmen 2 - Cancro al colon
LifEscozul® - Carmen 3 - Cancro al colon
LifEscozul® - Carmen 4 - Cancro al colon
LifEscozul® - Carmen 5 - Cancro al colon

Paziente con cancro al colon: Carlos Età: 73 anni

Il paziente con cancro al colon riesce a fermare e rallentare la malattia usando Escozul®.

Primi passi:

Quando Carlos è venuto da noi, i medici avevano raccomandato una chemioterapia palliativa.

Il nostro primo passo è sempre quello di conoscere a fondo il caso e per questo realizziamo una valutazione del paziente dove determiniamo diversi aspetti come:

– Dosaggio e concentrazione personalizzati.

– Confronto con altri casi con lo stesso tipo di tumore e risultati.

– Analisi delle condizioni fisiche ed emotive del paziente.

Contatto con il paziente:

Il paziente e i membri della famiglia sono quindi informati su ciò che possono aspettarsi dal Escozul® e l'importanza di mantenere il contatto con i nostri specialisti per cambiare il dosaggio quando necessario, al fine di ottenere i migliori risultati possibili.

Carlos ha iniziato con Escozul® alla fine di gennaio 2014, ricevendo la chemioterapia palliativa nel suo complesso.

È importante ricordare che il Escozul® è un prodotto naturale che ha la capacità di eliminare le cellule tumorali, senza che questo significhi che sia una cura per il cancro. La sua capacità di inibire la crescita delle cellule maligne le permette di essere usata come controllore della malattia e l'obiettivo del lavoro è di permettere al paziente di vivere con la sua malattia con il minor disturbo possibile alla sua routine quotidiana.

Sviluppi:

Nell'aprile 2014, è stata eseguita la prima TAC, che ha mostrato una riduzione del 18% della lesione primaria, così come una diminuzione delle dimensioni nelle sedi delle lesioni
nel polmone e nel fegato. A questo punto il paziente non aveva più dolore addominale.

Questo risultato ha avuto un impatto positivo sulla sua qualità di vita. Dopo 6 mesi di trattamento, la TAC ha mostrato un'ulteriore riduzione della lesione colorettale,
stabilità delle lesioni a livello polmonare e scomparsa di una delle lesioni epatiche.

Dopo un anno di trattamento, la malattia è rimasta sotto controllo con riduzioni in alcune aree. La qualità della vita di Carlos era molto migliorata.

Altre notizie positive sono arrivate nel giugno 2015, con una nuova TAC che ha mostrato la scomparsa delle lesioni al fegato. Il tumore primario è rimasto stabile e c'è stato un leggero aumento delle dimensioni in alcune lesioni polmonari. In considerazione di questo aumento, la concentrazione della dose di Escozul®.

A dicembre 2015, la situazione è rimasta stabile e il paziente è rimasto in buone condizioni fisiche e con una buona qualità di vita. Questo rappresenta
un aumento considerevole del tempo di sopravvivenza iniziale stimato del paziente. Vale anche la pena notare che Carlos è passato attraverso i diversi cicli di chemioterapia con pochi effetti avversi e una buona tolleranza, che è comune nei pazienti che prendono il Escozul® insieme alle terapie convenzionali. Carlos ha seguito il trattamento di Escozul® con aumenti progressivi della dose, cercando di mantenere e migliorare questi risultati.

Come spieghiamo sempre ai nostri pazienti, Escozul® non è considerato una cura per il cancro, al momento la malattia è stata tenuta sotto controllo e il paziente può vivere con il cancro e condurre una vita praticamente normale.

Carlos è stato con noi per quasi due anni ed ecco un riassunto nelle parole di suo figlio:

“In effetti, i risultati sono stati molto buoni, poiché i tumori al fegato sono scomparsi e anche il tumore al colon, che è all'origine della malattia, è diminuito notevolmente di volume, quindi se riuscissimo a ridurre almeno le dimensioni dei tumori ai polmoni, saremmo sulla buona strada per dare a mio padre un bel po' di tempo in più da vivere. Vorrei cogliere l'occasione per ringraziarvi per la vostra disponibilità e il vostro sostegno da quasi due anni a questa parte, siete un gruppo di lavoro molto serio.”

È importante notare che non è possibile generalizzare alcun risultato con Escozul® per evitare di creare false aspettative nelle persone. Ogni caso che riceviamo viene analizzato per informare la famiglia su cosa aspettarsi. Ogni persona è un universo completamente diverso, anche se ha la stessa malattia. Questo documento non è una testimonianza ma una sintesi dell'evoluzione in cui le informazioni mediche sono disponibili per la consultazione.

Documenti medici

LifEscozul® - Carlos 1 - Cancro al colon
LifEscozul® - Carlos 2 - Cancro al colon
LifEscozul® - Carlos 3 - Cancro al colon
LifEscozul® - Carlos 4 - Cancro al colon
LifEscozul® - Carlos 5 - Cancro al colon
LifEscozul® - Carlos 6 - Cancro al colon
LifEscozul® - Carlos 7 - Cancro al colon
LifEscozul® - Carlos 8 - Cancro al colon

Paziente con cancro al colon: Carmen Età: 53 anni

Un paziente con cancro al colon in stadio IV raggiunge la riduzione delle metastasi e il controllo della malattia con l'uso combinato di Escozul® e chemioterapia.

Diagnosi iniziale:

Tumore al colon in stadio IV (adenocarcinoma tubulare moderatamente differenziato, parzialmente ulcerato), metastasi al fegato e ai polmoni, CEA (antigene carcinoembrionale)=303 (valore normale fino a 3,4)

Sintomi iniziali:

Dolore nell'addome a livello del fegato e nel torace

Trattamenti:

È iniziato con Escozul® nel gennaio 2015. Doveva iniziare la chemioterapia palliativa, che è iniziata nel febbraio 2015. Il Escozul® è un prodotto naturale che ha la capacità di eliminare le cellule tumorali senza essere una cura per il cancro. La sua capacità di inibire la crescita delle cellule maligne gli permette di essere usato come controllore della malattia e l'obiettivo del lavoro è che il paziente possa vivere con la sua malattia con il minor disturbo possibile alla sua routine quotidiana.

Sviluppi e risultati attuali:

I primi esami di controllo sono stati ricevuti nel marzo 2015, due mesi dopo aver iniziato con Escozul®. A metà marzo, il CEA era sceso da
un valore iniziale di 303, a 203, alla fine di marzo è sceso a 145.

Nell'aprile 2015, tre mesi dopo il trattamento, il valore CEA era di 86. La TAC del torace, dell'addome e del bacino ha mostrato una diminuzione delle dimensioni delle metastasi epatiche, una minore densità delle metastasi polmonari, la stabilità del resto del tumore nel colon. Il paziente non riporta alcun sintomo, tranne il disagio associato alla chemioterapia.

Se repite TC en mayo 2015, que evidencia nueva disminución de las metástasis hepáticas y pulmonares y estabilidad de las lesiones tumorales en colon. EL marcador tumoral CEA en mayo había disminuido a 33,4.

A luglio la TAC è stata ripetuta, mostrando che le metastasi al fegato e al polmone continuano a diminuire, e le lesioni al colon sono stabili. Il valore del marcatore in questa occasione era 19,7.

Il paziente è in buone condizioni fisiche e conduce una vita normale. I risultati ottenuti in questo caso sono importanti, poiché, insieme alla chemioterapia, l'attività cancerosa nell'organismo diminuisce e le cellule tumorali vengono eliminate, il che si riflette nella diminuzione delle dimensioni delle metastasi e nel controllo della malattia nella sede primaria, oltre a mantenere la qualità di vita del paziente.

I risultati in questo caso rafforzano che l'amministrazione del Escozul® insieme ai trattamenti convenzionali può essere molto positivo non solo in termini di gestione dei sintomi ma anche in termini di risultati.

Tumore al colon di alto grado operato Paziente: Maria Età: 65 Paese: Messico

Un paziente con cancro al colon metastatico che ha subito un intervento chirurgico riesce a sconfiggere la malattia con una buona qualità di vita.

Diagnosi iniziale:

Operato di cancro al colon di alto grado con metastasi al fegato, omento e digiuno. Marcatore tumorale CA19-9=1183 (valore normale: fino a 37)

Sintomi iniziali:

– Perdita di appetito

– Perdita di peso

– Fatica

– Reflusso

Trattamenti con Escozul®:

È iniziato con Escozul® alla fine di giugno 2014. Si stava sottoponendo a un trattamento di chemioterapia, che con i suddetti sintomi derivanti dalla malattia e dal trattamento.

Escozul® è un prodotto naturale che ha la capacità di eliminare le cellule tumorali, senza che questo significhi che sia una cura per il cancro. La sua capacità di inibire la crescita delle cellule maligne le permette di essere usata come controllore della malattia e l'obiettivo del lavoro è di permettere al paziente di vivere con la sua malattia con il minor disturbo possibile alla sua routine quotidiana.

Sviluppi e risultati attuali:

Entro una settimana dall'inizio del trattamento il suo appetito cominciò a migliorare nonostante la chemioterapia. Ventiquattro giorni dopo l'inizio Escozul®, il suo appetito continuava a migliorare, il suo umore era migliorato e la sua stanchezza era diminuita. A settembre 2014, siamo informati che è rimasto stabile senza alcuna ricaduta dei suoi sintomi.

Nell'ottobre 2014, il marker tumorale è sceso a 25 (entro i limiti normali). Il resto del tempo il paziente è rimasto stabile.

Nel marzo 2015, dopo sette mesi e mezzo di trattamento con Escozul®, in combinazione con la chemioterapia, il marker tumorale rimane nella norma, a 37.
il paziente rimane di buon appetito, di buon umore e ha ripreso peso.

I risultati della TAC addomino-pelvica di marzo non mostrano alcuna evidenza di tumore o attività metastatica. Il paziente continua a consumare il Escozul® con dosi progressive per mantenere questi risultati.

In questo caso, la qualità della vita del paziente è stata migliorata e le metastasi sono state eliminate, il che si è visto nella riduzione del valore dell'antigene tumorale.

La paziente conduce una vita normale con la sua famiglia, senza che la malattia influenzi le sue attività e il suo benessere fisico e mentale.

Documenti medici

LifEscozul® - María 1 - Cancro al colon
LifEscozul® - María 2 - Cancro al colon
LifEscozul® - María 3 - Cancro al colon
LifEscozul® - María 4 - Cancro al colon