Cancro al fegato

Una delle principali cause di cancro al fegato in tutto il mondo è l\infezione cronica da virus dell'epatite B e C. L'incidenza di questo tipo di cancro è in aumento negli ultimi decenni. È più frequente negli uomini e circa il 95% dei pazienti diagnosticati ha più di 60 anni. È più frequente in Africa e in Asia, dove è una delle principali cause di morte per cancro.

LifEscozul® - Liver Cancer

I tassi di sopravvivenza a 5 anni per il cancro al fegato non sono affatto incoraggianti, purtroppo. Le opzioni di trattamento offerte dalla medicina convenzionale vanno dalla chirurgia, l'ablazione del tumore, l'embolizzazione del tumore, la radioterapia, la chemioterapia e la terapia mirata su geni e proteine specifiche del cancro. Le possibilità di successo di questi trattamenti dipendono anche dallo stadio del cancro e portano diversi effetti collaterali. Le opzioni di trattamento e l'efficacia per i pazienti con cancro avanzato sono ancora poche e mirano per lo più a tenere la malattia sotto controllo il più a lungo possibile e ad alleviare i sintomi.

Escozul® può essere somministrato insieme a qualsiasi trattamento convenzionale. Escozul® cerca di lavorare non solo sul cancro ma anche sulla qualità della vita del paziente. I suoi effetti analgesici e antinfiammatori contribuiscono a migliorare la qualità della vita in circa il 65-75% dei pazienti trattati. Attraverso il suo effetto antitumorale, a seconda dello stadio, ci si aspetta uno dei seguenti risultati: poter rallentare la progressione della malattia, fermare la crescita del tumore, ridurre la dimensione delle lesioni o eliminare le lesioni tumorali.

È importante sottolineare che Escozul® non è considerato una cura per il cancro, è una medicina naturale che converte questa malattia mortale in una malattia cronica controllata, offrendo anche una qualità di vita.

Risultati in casi diversi

Cancro del dotto biliare. Paziente: S.R. Età: 58

Paziente con colangiocarcinoma intraepatico presenta una riduzione delle dimensioni del tumore principale e la scomparsa del coinvolgimento linfonodale 3 mesi dopo aver iniziato il trattamento con escozul.

Riassunto del caso:

S.R. è una paziente con un cancro al dotto biliare che è venuta da noi attraverso sua figlia, alla ricerca di un trattamento alternativo che potesse aiutarla a combattere la malattia.

Quando abbiamo rivisto la documentazione del caso, abbiamo potuto confermare che si trattava di un colangiocarcinoma intraepatico, con metastasi al fegato e ai linfonodi regionali e intraperitoneali.

l'intervento chirurgico era stato eseguito, ma non è stato possibile rimuovere il tumore a causa delle sue grandi dimensioni. Era in attesa di un trattamento di chemioterapia a scopo palliativo.

Una volta che il caso è stato analizzato dai nostri specialisti, abbiamo informato la famiglia su cosa potevano aspettarsi con Escozul® e sulle possibilità di ottenere buoni risultati. Il colangicarcinoma è generalmente un cancro aggressivo con una prognosi sfavorevole, che spesso non risponde molto bene alle opzioni di trattamento convenzionali e spesso porta a numerose complicazioni che possono essere fatali per il paziente.

Ogni dose di Escozul® è personalizzata, specifica al tipo e all'aggressività del tumore. Queste dosi possono cambiare nel tempo secondo i risultati osservati nel paziente. Questo richiede una comunicazione efficace tra il paziente e il nostro team medico per permetterci di fare le raccomandazioni appropriate su diversi aspetti. Se il paziente o i membri della famiglia non mantengono una comunicazione fluida con noi, allora i risultati con Escozul® non saranno come previsto.

S.R. ha iniziato il trattamento con Escozul® a ottobre 2017. Successivamente ha iniziato una chemioterapia palliativa e altri trattamenti naturali come la zeolite e l'amalaki.

Sviluppi attuali, monitoraggio e risultati:

Una TAC del torace, dell'addome e della pelvi eseguita 3 mesi dopo il trattamento, nel gennaio 2018, mostra una diminuzione delle dimensioni della lesione epatica iniziale da 97x74mm a 90mm e nessun accenno alla presenza di adenopatie regionali e retroperitoneali che erano descritte nella TAC iniziale dell'agosto 2017.

Nonostante la breve durata del trattamento, questo è un risultato molto importante perché non è la risposta che si vede di solito nei pazienti con questo tipo di cancro, dove la tendenza è che la malattia non smetta di progredire.

S.R. continua ad essere trattato con Escozul® con aumenti progressivi della dose, con l'obiettivo di mantenere e migliorare i risultati ottenuti finora.

Come diciamo sempre, è importante notare che non è possibile generalizzare alcun risultato con Escozul® per non creare false aspettative nelle persone, Escozul® non fa miracoli. Solo lavorando insieme e con una comunicazione costante si possono mantenere dosi personalizzate e funzionali di Escozul® contro i tumori.

È anche importante dire che tutte le informazioni mediche sul caso sono disponibili per la consultazione, così come il contatto con la controparte medica sia dell'oncologo che ha seguito il caso che dei nostri specialisti. Crediamo nella trasparenza nel trattare con i nostri pazienti e nel diritto di formarsi un'opinione basata su informazioni e analisi.

Se desidera essere trattato nell'ambito del protocollo con Escozul® deve sapere quanto segue: Escozul® è un prodotto che stiamo ancora studiando, comprese le sue altre proprietà come analgesico e antinfiammatorio, quindi non è un prodotto commerciale, cioè non può essere venduto. Ogni caso che desidera entrare nel nostro protocollo deve essere valutato e approvato perché Escozul® non è efficace in tutti i tipi di tumori. Una volta approvato, il paziente e i membri della famiglia devono accettare di mantenere contatti regolari con il nostro team medico.

Para ingresar al protocolo debe enviarnos un correo a: servicios@lifescozulcuba.com indicando la edad del paciente, el tipo de cáncer y el estado físico y emocional del paciente. Este es el primer paso, y un especialista se hará cargo del caso. Nuestro tiempo de respuesta es de una hora o dos pues cada caso se responde de manera personal no automática. La idea es que la comunicación que establezcamos siempre esté regida por un trato profesional y humano.

Preparato dal Gruppo LifEscozul® maggio/2018

Documenti medici

LifEscozul® - S.R. 1 - Cancro al fegato
LifEscozul® - S.R. 2 - Cancro al fegato
LifEscozul® - S.R. 3 - Cancro al fegato
LifEscozul® - S.R. 4 - Cancro al fegato
LifEscozul® - S.R. 5 - Cancro al fegato
LifEscozul® - S.R. 6 - Cancro al fegato
LifEscozul® - S.R. 7 - Cancro al fegato

Tumore al fegato: colangiocarcinoma intraepatico con metastasi linfonodali, stadio IV. Paziente: E.B Età: 56

Paziente con colangiocarcinoma (cancro al fegato), con noduli multipli secondari nel fegato e coinvolgimento tumorale nei linfonodi, riesce a stabilizzare la malattia e inizia a ridurre le dimensioni delle lesioni dopo 6 mesi di trattamento.

E.B. è una paziente di 56 anni che è venuta da noi nel giugno 2017, con una diagnosi recente di colangiocarcinoma intraepatico al IV stadio che non poteva essere rimosso, con una prognosi molto limitata per la vita. Dopo 6 mesi di trattamento, la malattia si è stabilizzata e le dimensioni delle lesioni tumorali hanno cominciato a diminuire, la prognosi di vita è migliorata e la qualità della vita è migliorata.

Riassunto del caso:

E.B. è arrivata da noi nel giugno 2017, tramite il fratello e la nipote che, viste le scarse prospettive di evoluzione e di trattamenti dati alla paziente, hanno deciso di lanciarsi nella ricerca di un'opzione naturale che potesse rappresentare una speranza di vita per E.B. Presentava un cancro al fegato che non poteva essere rimosso in chirurgia per la presenza di metastasi. Gli oncologi del suo paese hanno inizialmente indicato che l'applicazione di chemio e radioterapia in questo caso non avrebbe avuto un effetto positivo.

Quando abbiamo ricevuto i documenti del caso abbiamo potuto confermare che E.B. presentava una lesione sul lato sinistro del fegato compatibile con un colangiocarcinoma intraepatico nei segmenti II e III e metastasi nel fegato, oltre al coinvolgimento linfonodale regionale. Aveva una prognosi iniziale da 1 settimana a due mesi di vita.

In termini di sintomi, aveva dolori alla schiena e all'addome, che rendevano difficile il riposo.

Una volta che il caso è stato analizzato dai nostri specialisti, abbiamo informato la famiglia su cosa potevano aspettarsi con Escozul® e sulle possibilità di ottenere buoni risultati. Nei casi in cui la malattia è avanzata e le opzioni di trattamento sono limitate, non c'è sempre la migliore possibilità di un esito positivo.

Ogni dose di Escozul® è personalizzata, specifica al tipo e all'aggressività del tumore. Queste dosi possono cambiare nel tempo secondo i risultati osservati nel paziente. Questo richiede una comunicazione efficace tra il paziente e il nostro team medico per permetterci di fare le raccomandazioni appropriate su diversi aspetti. Se il paziente o i membri della famiglia non mantengono una comunicazione fluida con noi, allora i risultati con Escozul® non saranno come previsto.

E.B. ha iniziato il trattamento con Escozul® nel luglio 2017.

Sviluppi attuali, monitoraggio e risultati:

A settembre 2017, siamo stati informati dai parenti di E.B. che era rimasta bene, con un lieve disagio nell'addome superiore e continuava con Escozul® e in trattamento palliativo. In quel momento, il paziente era in grado di dormire normalmente e manteneva un buon appetito.

Una TAC a settembre ha mostrato la crescita della lesione primaria e la comparsa di un nuovo nodulo, il che implica che, sebbene i sintomi fossero migliorati, la malattia non era ancora sotto controllo, anche se questo non è previsto dopo solo due mesi di trattamento.

Di fronte a questa situazione, e dato che si trattava di un tipo di cancro difficile da trattare e che mostrava una rapida progressione, fu effettuato un nuovo aumento della dose.

A febbraio 2018 abbiamo ricevuto un ulteriore aggiornamento sul caso di E.B. Ci è stato detto che stava bene fisicamente anche se aveva finalmente ricevuto alcuni cicli di chemioterapia palliativa.

La TAC eseguita alla fine di gennaio, 6 mesi dopo il trattamento, ha mostrato una stabilità della malattia anche con una leggera diminuzione delle dimensioni delle lesioni tumorali. La lesione primaria è diminuita da 13,2×6,4cm a 12×5,5cm. c'è stata anche una diminuzione delle dimensioni di altre lesioni epatiche e linfonodali e una stabilità delle metastasi rimanenti.

In questo caso, la malattia è stata messa sotto controllo e la malattia ha cominciato a diminuire, migliorando la qualità della vita e superando di gran lunga la durata della vita originariamente prevista per E.B.. Speriamo di continuare a ottenere buoni risultati in futuro e di aiutarlo a continuare a godersi la vita con i suoi cari.

Come diciamo sempre, è importante notare che non è possibile generalizzare alcun risultato con Escozul® per non creare false aspettative nelle persone, Escozul® non fa miracoli. Solo lavorando insieme e con una comunicazione costante si possono mantenere dosi personalizzate e funzionali di Escozul® contro i tumori.

È anche importante dire che tutte le informazioni mediche sul caso sono disponibili per la consultazione, così come il contatto con la controparte medica sia dell'oncologo che ha seguito il caso che dei nostri specialisti. Crediamo nella trasparenza nel trattare con i nostri pazienti e nel diritto di formarsi un'opinione basata su informazioni e analisi.

Se desidera essere trattato nell'ambito del protocollo con Escozul® deve sapere quanto segue: Escozul® è un prodotto che stiamo ancora studiando, comprese le sue altre proprietà come analgesico e antinfiammatorio, quindi non è un prodotto commerciale, cioè non può essere venduto. Ogni caso che desidera entrare nel nostro protocollo deve essere valutato e approvato perché Escozul® non è efficace in tutti i tipi di tumori. Una volta approvato, il paziente e i membri della famiglia devono accettare di mantenere contatti regolari con il nostro team medico.

Per entrare nel protocollo è necessario inviare una mail a: servicios@lifescozulcuba.com indicando l'età del paziente, il tipo di cancro e lo stato fisico ed emotivo del paziente. Questo è il primo passo, e uno specialista si occuperà del caso. Il nostro tempo di risposta è di un'ora o due, poiché ogni caso viene risolto personalmente, non automaticamente. l'idea è che la comunicazione che stabiliamo sia sempre governata da un trattamento professionale e umano.

Preparato dal Gruppo LifEscozul® febbraio/2018

Documenti medici

LifEscozul® - E.B. 1 - Cancro al fegato
LifEscozul® - E.B. 2 - Cancro al fegato
LifEscozul® - E.B. 3 - Cancro al fegato
LifEscozul® - E.B. 4 - Cancro al fegato
LifEscozul® - E.B. 5 - Cancro al fegato

Tumore al fegato avanzato con metastasi linfonodali multiple. Paziente: Aida Età: 66

Paziente con tumore al fegato e coinvolgimento linfonodale con una prognosi da 2 a 12 mesi di vita, riesce a ridurre la malattia e rimane stabile dopo 15 mesi di trattamento.

Aida è una paziente di 66 anni, che è venuta da noi nel luglio 2016 con una diagnosi di tumore al fegato avanzato, con scarse prospettive di evoluzione, in questo caso gli specialisti del suo paese parlavano di 2 a 12 mesi di sopravvivenza. È in trattamento con Escozul® da 15 mesi, è riuscito in questo tempo a ridurre le dimensioni della malattia di oltre il 70% ed è stabile e con una buona qualità di vita.

Riassunto del caso:

Condividiamo il caso di una paziente di 65 anni che è venuta da noi nel luglio 2016, con una diagnosi di tumore al fegato avanzato con coinvolgimento di più linfonodi.

Quando abbiamo ricevuto la documentazione medica abbiamo potuto confermare che Aida aveva un tumore al fegato nel lobo sinistro di 10 cm di diametro, formazioni tumorali secondarie nel fegato, e il coinvolgimento di linfonodi periportali e portocavali fino a 3,5 cm, linfonodi pericellulari e retroperitoneali intercavo-aortici e para-aortici sinistri fino a 1,5 cm, nodi mesenterici fino a 1,8 cm, e tessuto adiposo epicardico fino a 1,8 cm. Inizialmente si pensava che si trattasse di un colangiocarcinoma o di un tumore del dotto biliare intraepatico, che in seguito è stato dimostrato dalla biopsia essere un adenocarcinoma scarsamente differenziato non compatibile con il colangiocarcinoma. Nel marzo 2017, una nuova biopsia ha suggerito che si trattava di una variante cirrotica del carcinoma epatocellulare.

I sintomi includevano dolore nella zona del fegato e una notevole perdita di peso.

Una volta che il caso è stato analizzato dai nostri specialisti, abbiamo informato la famiglia su cosa potevano aspettarsi con Escozul® e sulle possibilità di ottenere buoni risultati. In questo caso, le probabilità non erano le migliori, a causa delle prospettive evolutive di questo tipo di cancro.

Ogni dose di Escozul® è personalizzata, specifica al tipo e all'aggressività del tumore. Queste dosi possono cambiare nel tempo secondo i risultati osservati nel paziente. Questo richiede una comunicazione efficace tra il paziente e il nostro team medico per permetterci di fare le raccomandazioni appropriate su diversi aspetti. Se il paziente o i membri della famiglia non mantengono una comunicazione fluida con noi, allora i risultati con Escozul® non saranno come previsto.

Aida ha iniziato il trattamento con Escozul® nel luglio 2016, senza altri trattamenti.

Sviluppi attuali, monitoraggio e risultati:

Dopo due settimane di trattamento, l'appetito di Aida era migliorato notevolmente, aveva mantenuto il suo peso, si sentiva più energica di prima, e i suoi dolori erano lievi e solo quando stava seduta a lungo o camminava molto, anche il suo aspetto era migliorato.

A settembre 2016, l'umore di Aida era buono, aveva riacquistato l'appetito e guadagnato 1 kg di peso, non era gialla o cadente.

A metà ottobre 2016, 3 mesi dopo aver iniziato il trattamento con Escozul®, senza aver ricevuto nessun altro trattamento, una nuova TAC ha mostrato che il tumore nel fegato si era ridotto a 5,0 cm (50% delle sue dimensioni originali), anche tutti i noduli tumorali nel fegato si erano ridotti a meno di 1 cm. Anche il coinvolgimento nodale nelle varie sedi era diminuito in dimensioni.

A dicembre 2016, è stata osservata un'ulteriore diminuzione delle dimensioni del tumore principale con un diametro superiore a 2,6 cm.

Nel marzo 2017, un nuovo esame ha mostrato una leggera crescita del tumore principale ad una dimensione di 3,0 cm e un discreto aumento delle dimensioni delle lesioni linfonodali, è stato quindi deciso di applicare un nuovo cambio di dose per combattere questa progressione della malattia, che è stata ulteriormente descritta come un tumore dall'aspetto aggressivo.

Il nuovo esame, eseguito nel giugno 2017, ha mostrato che le lesioni tumorali erano stabili rispetto allo studio precedente.

A luglio 2017, un anno dopo aver iniziato Escozul®, ha iniziato la chemioterapia palliativa, che ha tollerato bene.

All'esame nel settembre 2017, la lesione epatica principale è rimasta stabile e il coinvolgimento linfonodale è diminuito in dimensioni.

In questo caso, in un primo anno in cui il paziente ha usato solo Escozul®, la lesione primaria si è ridotta di circa il 70% delle sue dimensioni, oltre a ridurre la dimensione del coinvolgimento linfonodale. La malattia di Aida è ora stabile e la sua aspettativa di vita è migliore, e ha recuperato la sua qualità di vita.

È importante notare che la famiglia di Aida, in particolare sua figlia, è stata in costante contatto con il nostro team medico. Questo significa che abbiamo avuto tutti gli elementi necessari per dare il miglior seguito possibile al caso e prendere le misure appropriate per ottenere i migliori risultati possibili.

Come diciamo sempre, è importante notare che non è possibile generalizzare alcun risultato con Escozul® per non creare false aspettative nelle persone, Escozul® non fa miracoli. Solo lavorando insieme e con una comunicazione costante si possono mantenere dosi personalizzate e funzionali di Escozul® contro i tumori.

È anche importante dire che tutte le informazioni mediche sul caso sono disponibili per la consultazione, così come il contatto con la controparte medica sia dell'oncologo che ha seguito il caso che dei nostri specialisti. Crediamo nella trasparenza nel trattare con i nostri pazienti e nel diritto di formarsi un'opinione basata su informazioni e analisi.

Se desidera essere trattato nell'ambito del protocollo con Escozul® deve sapere quanto segue: Escozul® è un prodotto che stiamo ancora studiando, comprese le sue altre proprietà come analgesico e antinfiammatorio, quindi non è un prodotto commerciale, cioè non può essere venduto. Ogni caso che desidera entrare nel nostro protocollo deve essere valutato e approvato perché Escozul® non è efficace in tutti i tipi di tumori. Una volta approvato, il paziente e i membri della famiglia devono accettare di mantenere contatti regolari con il nostro team medico.

Per entrare nel protocollo è necessario inviare una mail a: servicios@lifescozulcuba.com indicando l'età del paziente, il tipo di cancro e lo stato fisico ed emotivo del paziente. Questo è il primo passo, e uno specialista si occuperà del caso. Il nostro tempo di risposta è di un'ora o due, poiché ogni caso viene risolto personalmente, non automaticamente. l'idea è che la comunicazione che stabiliamo sia sempre governata da un trattamento professionale e umano.

Preparato dal gruppo LifEscozul® ottobre/2017

Documenti medici

LifEscozul® - Aida 1 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Aida 2 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Aida 3 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Aida 4 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Aida 5 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Aida 6 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Aida 7 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Aida 8 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Aida 9 - Cancro al fegato

Cancro del dotto biliare (colangiocarcinoma) Paziente: Laura Età: 48

Un paziente con un cancro al dotto biliare riesce a stabilizzare la malattia e a cominciare a ridurre le dimensioni del tumore dopo 3 mesi di trattamento.

Laura è una paziente di 48 anni a cui è stato diagnosticato un cancro al dotto biliare nel 2011 e si è sottoposta a un intervento chirurgico. Nel 2013, una massa epatica compatibile con un colangiocarcinoma è ricomparsa, nonostante il paziente fosse in chemioterapia. È venuta da noi nel marzo 2017 alla ricerca di un trattamento che potesse offrirle una migliore aspettativa di vita e possibilità di combattere questa difficile malattia.

Riassunto del caso:

Oggi condividiamo il caso di un paziente di 48 anni che è venuto da noi nel marzo 2017, con una diagnosi di cancro al dotto biliare operato con successo nel 2011, ma con una nuova comparsa di un tumore non operabile nel fegato nel 2013. Nei primi tre mesi di trattamento, è riuscita a cominciare a ridurre le dimensioni del tumore.

Quando abbiamo ricevuto la documentazione medica siamo stati in grado di confermare che Laura aveva un cancro al dotto biliare, compatibile con un colangiocarcinoma nucleare di grado III. Aveva subito un intervento di epatectomia nel 2011 e il tumore era stato rimosso, ma nel 2013 un tumore al fegato identificato come colangiocarcinoma, che era inoperabile, ha cominciato a comparire di nuovo nei test di imaging, nonostante il fatto che Laura fosse sottoposta a chemioterapia.

In termini di sintomi, ha riferito di dolori lievi e occasionali all'addome, stanchezza, affaticamento cronico, difficoltà con il cibo e il riposo, per lo più legati alla somministrazione della chemioterapia.

Una volta che il caso è stato analizzato dai nostri specialisti, abbiamo informato il paziente su cosa aspettarsi con Escozul® e le possibilità di ottenere buoni risultati.

Ogni dose di Escozul® è personalizzata, specifica al tipo e all'aggressività del tumore. Queste dosi possono cambiare nel tempo secondo i risultati osservati nel paziente. Questo richiede una comunicazione efficace tra il paziente e il nostro team medico per permetterci di fare le raccomandazioni appropriate su diversi aspetti. Se il paziente o i membri della famiglia non mantengono una comunicazione fluida con noi, allora i risultati con Escozul® non saranno come previsto.

Laura ha iniziato il trattamento con Escozul® nel marzo 2017. Era stata sottoposta a chemioterapia fin dal suo primo intervento.

Sviluppi attuali, monitoraggio e risultati:

Al momento di iniziare l'escozul, la dimensione del tumore nel fegato era di 39 mm nel suo asse maggiore ed era rimasta tale dal dicembre 2016. Ora, tre mesi dopo il trattamento, la dimensione del tumore è diminuita di 2 mm, ed è ora di 37 mm nel suo asse maggiore. Secondo i risultati, il tumore è anche meglio delimitato.

Laura è attualmente in trattamento con Escozul® con dosi crescenti, cercando di migliorare i risultati ottenuti e aiutarla ad avere una migliore qualità di vita e una migliore aspettativa di sopravvivenza.

In questo caso, siamo riusciti a iniziare a ridurre le dimensioni del tumore, che si era stabilizzato da dicembre, nonostante la continua chemioterapia. Anche se il tempo di trattamento è ancora molto breve, questo è un risultato incoraggiante; speriamo che continui a migliorare nei prossimi mesi.

In una nuova scansione nel settembre 2017, la malattia è rimasta stabile, senza crescita. Grazie ai buoni risultati ottenuti nella scansione precedente, Laura è a riposo dalla chemioterapia da giugno e ha passato gli ultimi tre mesi solo su Escozul®.

Nel dicembre 2017, dopo 9 mesi di trattamento, di cui ha trascorso gli ultimi 6 mesi con Escozul® da solo, si nota al riesame che il tumore si è ridotto di altri 5mm, per un totale di 7mm di riduzione dall'inizio. La condizione fisica di Laura continua ad essere eccellente.

Come diciamo sempre, è importante notare che non è possibile generalizzare alcun risultato con Escozul® per non creare false aspettative nelle persone, Escozul® non fa miracoli. Solo lavorando insieme e con una comunicazione costante si possono mantenere dosi personalizzate e funzionali di Escozul® contro i tumori.

È anche importante dire che tutte le informazioni mediche sul caso sono disponibili per la consultazione, così come il contatto con la controparte medica sia dell'oncologo che ha seguito il caso che dei nostri specialisti. Crediamo nella trasparenza nel trattare con i nostri pazienti e nel diritto di formarsi un'opinione basata su informazioni e analisi.

Se desidera essere trattato nell'ambito del protocollo con Escozul® deve sapere quanto segue: Escozul® è un prodotto che stiamo ancora studiando, comprese le sue altre proprietà come analgesico e antinfiammatorio, quindi non è un prodotto commerciale, cioè non può essere venduto. Ogni caso che desidera entrare nel nostro protocollo deve essere valutato e approvato perché Escozul® non è efficace in tutti i tipi di tumori. Una volta approvato, il paziente e i membri della famiglia devono accettare di mantenere contatti regolari con il nostro team medico.

Per entrare nel protocollo è necessario inviare una mail a: servicios@lifescozulcuba.com indicando l'età del paziente, il tipo di cancro e lo stato fisico ed emotivo del paziente. Questo è il primo passo, e uno specialista si occuperà del caso. Il nostro tempo di risposta è di un'ora o due, poiché ogni caso viene risolto personalmente, non automaticamente. l'idea è che la comunicazione che stabiliamo sia sempre governata da un trattamento professionale e umano.

Preparato dal gruppo LifEscozul® maggio/2017

Documenti medici

LifEscozul® - Laura 1 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Laura 2 - Cancro al fegato

Paziente con cancro alle vie biliari: Angelina Età: 70 Paese: Messico

Si è scoperto che la paziente aveva un tumore del dotto biliare all'interno del fegato. Sua figlia ha iniziato a cercare opzioni alternative che avrebbero dato a sua madre un'aspettativa di vita più lunga, così ha iniziato con Escozul®.

Diagnosi iniziale:

Abbiamo ricevuto i documenti medici e la descrizione delle condizioni fisiche e il nostro team ha proceduto ad analizzare il caso. Durante l'analisi è stato confermato che si trattava di un adenocarcinoma moderatamente differenziato nel tessuto epatico compatibile con il colangiocarcinoma, con una dimensione approssimativa del tumore di 66×48 mm.

Condizioni del paziente prima di iniziare il trattamento:

In termini di sintomi, Angelina ha indicato che sentiva fastidio nella zona del fegato.

Trattamenti con Escozul®:

La figlia del paziente è stata informata dell'analisi del caso e delle prospettive con l'uso di Scozul®. Un dosaggio è stato progettato per ottenere i migliori risultati possibili in un breve periodo di tempo, ed è stato sviluppato. Angelina ha iniziato con Escozul® nell'aprile 2016.

Sviluppi attuali, monitoraggio e risultati:

Due mesi dopo l'inizio del trattamento, ad una nuova ecografia, le dimensioni del tumore erano diminuite a 49x47mm.

In una nuova ecografia nell'agosto 2016, il tumore misurava 14×9 mm, mostrando una riduzione di circa il 95% delle sue dimensioni all'inizio del trattamento. La paziente sta bene fisicamente, mangia bene, riposa bene e continua la sua vita con il sostegno e l'affetto della sua famiglia.

In questo caso, la riduzione delle dimensioni del tumore è molto importante, il che implica certamente un aumento dell'aspettativa di vita del paziente con qualità. Speriamo che avendo presentato una risposta così buona nei primi mesi di trattamento, possiamo continuare a fare progressi con risultati positivi.

Riassunto:

Come diciamo sempre, è importante notare che non è possibile generalizzare alcun risultato con Escozul® per non creare false aspettative nelle persone, Escozul® non fa miracoli. Solo lavorando insieme e con una comunicazione costante si possono mantenere dosi personalizzate e funzionali di Escozul® contro i tumori.

È anche importante dire che tutte le informazioni mediche sul caso sono disponibili per la consultazione, così come il contatto con la controparte medica sia dell'oncologo che ha seguito il caso che dei nostri specialisti. Crediamo nella trasparenza nel trattare con i nostri pazienti e nel diritto di formarsi un'opinione basata su informazioni e analisi.

Documenti medici

LifEscozul® - Angelina - Cancro al fegato

Paziente con cancro al fegato inoperabile: Carmen Età: 46 Paese: Romania

Paziente con cancro al fegato inoperabile riesce a superare la malattia con il Escozul®.

Diagnosi iniziale:

Un tumore di 20 cm è stato rilevato nel fegato, coinvolgendo grandi vasi, con metastasi nei nodi addominali e nell'ilo epatico, accumulo di liquido nell'addome e dolore addominale. È stato determinato che il cancro era inoperabile a causa delle dimensioni del tumore e della sua vicinanza a grandi vasi sanguigni.

Trattamenti:

Ha iniziato la chemioterapia nel luglio 2013, come unica opzione di trattamento convenzionale, nonostante il fatto che questo tipo di cancro non risponde bene alla chemioterapia, e a causa di questo ha fatto ricorso a cercare altre alternative di trattamento, iniziando con Escozul® alla fine di luglio 2013. Bisogna ricordare che Escozul® è un prodotto naturale innocuo ottenuto dal veleno dello scorpione blu (endemico di Cuba), sciolto in acqua; è stato dimostrato che è in grado di uccidere le cellule tumorali senza colpire le cellule sane.

Risultati del trattamento iniziale:

Dopo le prime due settimane di trattamento riferisce che, anche se era ancora sotto chemioterapia, la tollerava meglio, la qualità del riposo e del cibo era migliorata così come la sua capacità di sforzo fisico.

Sviluppi del caso:

A settembre 2013, il tumore si era ridotto da 20 cm a 15 cm, senza metastasi linfonodali, senza accumulo di liquido addominale e senza compressione della biforcazione portale. A novembre 2013, il tumore aveva liberato il segmento 2 e parte del segmento 4 del fegato.

Ultimi risultati:

Nel febbraio 2014, si è sottoposta con successo a un intervento chirurgico per rimuovere il cancro, poiché il tumore si è ridotto di dimensioni e non ha più compresso i vasi sanguigni, rendendo possibile l'operazione. Attualmente è stabile ed è stato deciso di continuare il trattamento per un altro anno con Escozul®, per cercare di prevenire una recidiva della malattia.

Se volete maggiori informazioni sul caso, scriveteci a servicios@lifescozulcuba.com

Documenti medici

LifEscozul® - Carmen 1 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Carmen 2 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Carmen 3 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Carmen 4 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Carmen 5 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Carmen 6 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Carmen 7 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Carmen 8 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Carmen 9 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Carmen 10 - Cancro al fegato

Paziente con cancro al fegato: Raul Età: 62 Paese: USA

Paziente con cancro al fegato senza speranza, trattato con Escozul® da solo supera la prognosi iniziale di vita.

Diagnosi iniziale:

Tumore al fegato (epatocarcinoma) con metastasi all'addome e cirrosi alcolica. È stato sfrattato, senza cure e con una prognosi di 1 mese di vita nel settembre 2014.

Condizioni del paziente prima di iniziare il trattamento:

– Dolore addominale

– Difficoltà a dormire

– Ansia

– Mal di testa.

Trattamenti ricevuti:

Il paziente ha iniziato con noi all'inizio di ottobre 2014, essendo malato terminale. Gli fu prescritta una dose elevata di Escozul®, considerando la scarsa prognosi di vita e indicando che avremmo lavorato sulla base del raggiungimento della qualità della vita come obiettivo primario data la progressione della malattia.

Scozulite® ha la proprietà di uccidere selettivamente le cellule cancerose senza uccidere le cellule sane. A seconda del tipo di cancro, del suo stadio di progressione e delle condizioni fisiche del paziente, queste proprietà di Scozul® possono portare a: rallentare la progressione della malattia, controllare la malattia (nessuna ulteriore progressione), diminuire la dimensione delle lesioni tumorali o eliminare le lesioni tumorali. Ognuno di questi risultati porta a prolungare la durata della vita del paziente.

Risultati attuali:

A gennaio 2015, quando è stata fatta la prima rivalutazione del caso, il paziente non solo aveva superato la sua aspettativa di vita, ma i suoi sintomi erano migliorati e i medici gli davano dai 3 ai 6 mesi di vita.

È stato raggiunto da Escozul®:

-Estendere significativamente la durata della vita e la prognosi del paziente
-Scomparsa dei sintomi iniziali del paziente
-Solo occasionale mancanza di appetito e stanchezza

Riassunto:

Il risultato ottenuto in questo paziente è superiore alla media dei risultati ottenuti nei pazienti con una prognosi di meno di 3 mesi di vita. La risposta al trattamento è stata migliore del previsto e dimostra il potenziale di Escozul® in certi tipi di cancro. E anche se siamo molto lontani dal portare il paziente a superare la malattia, lui sente, e anche noi, che si può fare.

Documenti medici

LifEscozul® - Raul 1 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Raul 2 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Raul 3 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Raul 4 - Cancro al fegato
LifEscozul® - Raul 5 - Cancro al fegato