Leucemia

Escozul® può essere somministrato insieme a qualsiasi trattamento convenzionale.

LifEscozul® - Leucemia

Escozul® cerca di lavorare non solo sul cancro ma anche sulla qualità di vita del paziente. I suoi effetti analgesici e antinfiammatori aiutano a migliorare la qualità della vita in circa il 65-75% dei pazienti trattati.

È importante notare che Escozul® non è considerato una cura per il cancro, è una medicina naturale che converte questa malattia mortale in una cronica controllata, offrendo qualità di vita.

Risultati in casi diversi

Leucemia linfoblastica acuta Paziente: Diego Età: 13 Paese: Chile

Il paziente aveva una leucemia linfoblastica acuta. Ha iniziato il trattamento con Escozul®®.

Diagnosi iniziale:

Leucemia linfoblastica acuta.

Condizioni del paziente prima di iniziare il trattamento:

– Febbre costante

– Difese basse

– Neutropenie di fila

– Ipotiroidismo

Trattamenti ricevuti:

– 2005-2007 primo ciclo di chemioterapia ben tollerato.

– 2010 al 2012 seconda chemioterapia più intensa, radiazione (8 sessioni agosto) ben tollerata.

– 2014 chemioterapia palliativa, con settimane senza chemio a causa della febbre.

– Antibiotici per via endovenosa ogni 6 ore ricoverati per queste procedure.

– Trasfusioni di piastrine e globuli rossi back-to-back.

Analisi del caso per determinare la dose e la concentrazione di Escozul®:

Il caso viene valutato analizzando il tipo di cancro, il suo stadio, l'aggressività, i trattamenti applicati e la risposta. Si tiene conto anche della condizione fisica e psicologica del paziente.

Una copia di questa valutazione viene inviata al paziente e ai familiari. Inizia con Escozul® nel settembre 2014, viene prescritta una dose secondo la progressione della malattia e i sintomi del paziente.

Il Escozul® ha la capacità di eliminare selettivamente le cellule tumorali senza colpire le cellule sane, portando al controllo della crescita del tumore e persino alla sua riduzione, oltre ad aiutare a migliorare la qualità della vita del paziente. Funziona su molti tipi di cancro, con i migliori risultati sui tumori solidi, l'efficacia dipende dal tipo di cancro e dal grado di progressione della malattia. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3717326/

Risultati:

La condizione generale di Diego nelle prime due settimane di somministrazione di Escozul®: Una settimana dopo aver iniziato a prendere questa medicina, si è notato un cambiamento molto favorevole nell'umore di Diego, non si sentiva più così giù e ha iniziato ad alzarsi un po' di più dal letto durante il giorno. Ogni settimana vengono fatti dei test all'ospedale e una settimana dopo aver preso la medicina, i test hanno mostrato cambiamenti positivi:

– Ematocrito 31% (aumentato del 12% rispetto ai risultati pre-trattamento)

– Piastrine 121.000 (aumentate del 77% rispetto ai risultati pre-trattamento)

– WBCs 1 720 (aumentati del 74% rispetto ai risultati pre-trattamento)

Le piastrine, i globuli rossi e soprattutto i globuli bianchi sono saliti, prima aveva zero difese, questo ha fatto sì che non ci siano più trasfusioni e la dottoressa vuole mettere un catetere domani perché vede che le analisi sono migliori. Questa è la seconda settimana e i test sono ancora buoni. Con la chemioterapia si sente ancora giù, stanco e scoraggiato, ma ha comunque mangiato alla fine della giornata e si è alzato a tavola per mangiare. Questi sono i risultati dopo due settimane:

– Ematocrito 31,2% (aumentato del 13% rispetto ai risultati pre-trattamento)

– Piastrine 190 000 (aumentate dell'85% dai risultati pre-trattamento e nei limiti normali)

– WBCs 1 050 (aumentati del 58% rispetto ai risultati pre-trattamento)

2° rapporto:

Ematocrito 35,7% (aumentato del 14% rispetto ai risultati pre-trattamento, ed è quasi nei limiti della norma).

Piastrine 161 000 (aumentate dell'82% rispetto ai risultati pre-trattamento, e nei limiti della norma)

WBCs 2 380 (81% di aumento rispetto ai risultati pre-trattamento)

Attualmente, i risultati di Dieguito sono ancora buoni, è ancora in remissione e i suoi esami del sangue rimangono nei parametri normali. Prima di 3 mesi di trattamento, nel midollo osseo è stato trovato lo 0% di blasti, il che significa che la malattia è in remissione.

Anche la possibilità di un trapianto di midollo osseo, che era totalmente impossibile a settembre, viene presa in considerazione.

Documenti medici

LifEscozul® - Diego 1 - Leukaemia
LifEscozul® - Diego 2 - Leukaemia
LifEscozul® - Diego 3 - Leukaemia
LifEscozul® - Diego 4 - Leukaemia
LifEscozul® - Diego 5 - Leukaemia
LifEscozul® - Diego 6 - Leukaemia
LifEscozul® - Diego 7 - Leukaemia